Piccoli gesti di grande valore

E’ arcinota e ancora essenziale la frase di Gesù: “non di solo pane vive l’uomo, ma anche della parola del Padre”

Teniamo ben presente questa massima evangelica, eviteremo tante delusioni e non inseguiremo miti ed obiettivi che alla fine risultano fatui ed inconsistenti.

Quando ero ragazzo e nel dopoguerra sentivo parlare di riforme, di giustizia sociale, immaginavo che finalmente l’uomo sarebbe stato felice in una società giusta e pacifica, in cui ognuno avrebbe avuto la casa, garantita l’assistenza medica ed un lavoro retribuito in maniera congrua.

Col passare del tempo non solamente ho capito che questa è un’utopia, ma ho capito altresì che l’uomo non ha bisogno solo del pane ma anche di tanti altri valori che si rifanno alla poesia, al sentimento, alla tenerezza ed a tanti altri aspetti che rendono gradevole la vita e ti fanno sentire dentro un mondo amico e caro.

Mi salgono alla mente queste considerazioni in rapporto a qualche esperienza che ho fatto durante la giornata che mi ha reso particolarmente felice. Sono fatti minuti che non hanno cambiato per nulla la mia vita eppure a motivo di essi ho passato una giornata particolarmente bella.

Il primo: una mia anziana coinquilina mi si è avvicinata e con fare sornione e sorridente, mi ha consegnato una busta dicendomi: “L’Inps mi ha aumentato la pensione; ho pensato di investirli sulla carità!” C’erano 20 euro, ma mi ha fatto contento come se ci fossero stati i due milioni che mi mancano per il don Vecchi di Campalto.

Secondo: stavo riempiendo de “L’incontro” l’espositore che sta all’Angelo; un signore si è avvicinato e mi ha offerto 50 euro per il periodico. I 50 euro non risolvono i problemi economici de “L’incontro” però che qualcuno lo apprezzi, tanto da darmi dei soldi incontrandomi per caso, mi ha molto gratificato.

Terzo: un direttore di un ipermercato mi ha telefonato per consegnarmi generi alimentari in scadenza. Ho perso mezza giornata per ritirarli, ma spero di aver aperto una breccia nella muraglia cinese e mi fa felice pensare che sulla tavola dei poveri ci saranno anche delle leccornie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.