Una guerra giusta per aiutare i poveri!

Non ho proprio alcun desiderio di passare alla “storia” e neanche all’opinione pubblica corrente, come il rompiscatole di turno, che coltiva qualche mania o vuol farsi notare sollecitando i mass-media ad occuparsi di qualche problema presente nella nostra città.

Però, quando mi accorgo del disinteresse di chi si è offerto spontaneamente ai concittadini per gestire al meglio l’amministrazione della città e soprattutto non posso contare su altri mezzi civici per promuovere certe iniziative tese ad aiutare i cittadini più indifesi, allora non disdegno, anzi ricorro decisamente ai mass-media per creare opinione pubblica e pungolare gli amministratori della città ad affrontare e risolvere i problemi.

Una decina di anni fa “scoprii” il “Banco alimentare” e mi diedi da fare finché nacque “La bottega solidale” che opera tutt’oggi nella parrocchia di Carpenedo. In seguito, forse quattro anni fa, feci altre due “scoperte”: la legge chiamata “Samaritano” che autorizza ristoranti, mense e aziende del genere a mettere a disposizione dei poveri quei generi che avanzano. Però nonostante molti tentativi sono riuscito ad acquisire molto poco; è più facile buttare in pattumiera che mettere a disposizione del prossimo il cibo avanzato! La seconda “scoperta” è stata la notizia che il Comune di Bologna aveva concluso con gli ipermercati della città la cessione dei generi alimentari in scadenza abbattendo in cambio la tassa per lo smaltimento dei rifiuti. Ne parlai all’assessore Delia Murer, la quale mi promise solennemente un immediato interessamento. Sono passati inutilmente due o tre anni. Qualche giorno fa ho “scoperto” che anche Verona e Vicenza hanno concluso un accordo del genere. Ne parlai in assessorato con un funzionario, pareva che anche Venezia stesse concludendo un accordo simile. Nel frattempo ci siamo attrezzati per la distribuzione, però il Comune “lumaca” sonnecchia ancora.

Ora basta!
E’ intervenuta “La nuova Venezia” con un articolo, “Antenna Veneta” con un servizio, ma se il Comune non si muove “sparerò” a zero con tutto l’arsenale di cui dispongo, riservando “l’atomica” per le prossime elezioni amministrative.

Questa è certamente una guerra giusta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.