Certa religiosità mortifica il sacro

Almeno due volte la settimana mi reco all’ospedale per rifornire de “L’incontro” gli espositori in cui i concittadini, che per i motivi più diversi si trovano all’Angelo, possono trovare e leggere il nostro settimanale.

Uno degli espositori è collocato sulla parete accanto all’ingresso della cappella dell’ospedale.

Solitamente faccio una capatina a quel luogo sacro in cui dimora Cristo Gesù e che dovrebbe rappresentare il cuore pulsante della chiesa di Dio.

Nelle prime ore del mattino non c’è quasi mai nessuno in quella bella cappella, riscaldata ed illuminata che pur con sobrietà è stata costruita funzionale e con buon gusto, anche se ora un certo gusto devozionale arrischia a farne un qualcosa che sa di bigotto.

Comunque buttai l’occhio su un banco in cui c’era un foglio con una riproduzione di una suora, vestita antico stampo. Di primo acchito pensai che si trattasse di Santa Bertilla, la consorella santa delle suore Dorotee che un tempo a decine servivano gli ammalati nell’ospedale di Mestre. Mi accorsi invece che si trattava di Santa Teresa del Bambin Gesù.

Con questa santa un tempo ebbi quasi uno scontro, che poi è rientrato. Lessi, mentre ero adolescente, la sua autobiografia e mi era parsa sentimentale, sdolcinata tanto che la rifiutai quasi sdegnosamente. Fortuna volle che più avanti negli anni mi capitasse di leggere una biografia, di un autore olandese di pregio, tanto che mi riconciliai con questa giovane carmelitana che ora stimo come una santa di grosso spessore religioso.

Purtroppo il foglio reclamizzava “la novena delle rose” a Santa Teresina del Bambin Gesù novena mediante cui, a parere di un certo padre Putigan, si può ottenere, a buon mercato, la grazia che si desidera.

Talvolta nelle nostre chiese si mortifica il sacro con una religiosità di nessun respiro spirituale, ma talora lo si fa anche permettendo che certi bigotti lo facciano, immeschinendo quelle sacre ed alte realtà che dovrebbero trovare nel luogo sacro la cornice più idonea ed invece arrischiano di mortificarla con iniziative e pratiche che sono il sottoprodotto della spiritualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.