Canti lagnosi

In questi giorni, per una certa associazione di idee, mi è tornata in mente una storiella, che mi è stata raccontata tanti anni fa.

In una caserma il comandante aveva fatto ridipingere una sedia, le aveva messo accanto un piantone perché le reclute non si sedessero rovinando la pittura della sedia e dei loro pantaloni.

Il capitano poi si dimenticò  di ritirare l’ordine, quando il colore si fu asciugato, motivo per cui nessuno riusciva più a comprendere perché la sedia avesse la sentinella accanto, pensando che si trattasse di un segreto militare si continuò nel tempo a presidiare inutilmente la sedia!

La storiella, critica nei riguardi della burocrazia militare e la scarsa duttilità, mi venne in mente in questi giorni per un motivo di ben altro genere.

Uno dei fedeli della piccola chiesa del cimitero, sapendo il mio amore per la musica, mi ha regalato un compact disc di canti gregoriani, così che da mane a sera ho modo di ascoltare questi frati che a “buon mercato” cantano da quando alle 7,30 apro la chiesa fino alle 16,30 quando la chiudo.

Io passo spesso lunghe ore, nella mia cattedrale. E mi assorbo questa “lagna gregoriana” che dal Pontefice all’ultimo pretino di Curia, dicono essere il canto della chiesa per antonomasia!

Mi sto domandando sempre più di frequente: “Perché quel canto è più religioso del canto del gen rosso o verde?” Se mi dicessero che era il canto del 1200 o 1300 non farei verbo, ma se si tratta del canto con cui gli uomini del terzo millennio possono esprimere meglio la lode del Signore, mi pare sia una sciocchezza madornale.

Molto probabilmente si continua a dire così perché “ab immemorabile” si è detto così, come per la sentinella della sedia.

Poco tempo fa si è celebrato l’anniversario della scomparsa di Fabrizio D’Andrè e milioni di italiani, io compreso, abbiamo ascoltato con interesse le canzoni di questo novelliere! Credo che se qualcuno di Chiesa avesse commissionato al cantautore genovese qualche canto di lode al Signore, i fedeli pregherebbero con più gusto e partecipazione con buona pace dei frati e di chi si ostina a dire che quel loro canto è gradito a Dio e ai suoi figli di adozione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.