Un doveroso riconoscimento

Per Natale è venuto a farmi gli auguri Tobia Zordan, uno degli adolescenti che don Gino ha lasciato in eredità alla parrocchia, quando il Patriarca l’ha mandato a Mira a fare il parroco.

La notizia del trasferimento mi giunse inaspettata ed amara mentre il mio giovane cappellano era alla Malga dei Faggi con uno splendido gruppo di una quarantina di adolescenti, tra cui c’era anche Tobia, il ragazzo che ha mantenuto anche dopo vent’anni quel suo volto innocente e sempre trasognato.

Il tutto mi pare cosa dell’altro ieri, mentre in realtà Tobia ha fatto in tempo a laurearsi in architettura, crearsi uno studio in cui lavorano una quindicina d’architetti, vincere un concorso perciò ogni mese insegna una settimana nell’Università cinese di Shangay. Sposare una gentile collega e mettere al mondo un angioletto di bimba che porta un nome da amazzone, troppo impegnativo per una bimba fragile e bella: Camilla.

Tobia come sempre è stato caro e gentile con quel suo parlare accattivante, dal tono caldo e sommesso.

L’incontro si svolse nella hall del don Vecchi, ma durante tutto il tempo un pensiero mi frullava insistente in testa, tanto insistente che dovetti dargli voce: “Tobia, ringrazia tuo padre per non avermi dato il permesso di fare la trentina di stanze progettate nell’interrato sottostante alla hall”. A quel tempo l’architetto Zordan era assessore ai lavori pubblici e, per quanto avesse voluto aiutarmi, le norme erano decisamente contrarie. Avrei costruito una polveriera sotto ai piedi dei 250 anziani del don Vecchi. A quel tempo ci rimasi male, ora finalmente ho capito che facendo il proprio dovere si aiuta il prossimo!

Il riconoscimento della dirittura professionale dell’assessore è giunto tardi, ma era doveroso riconoscerlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.