Autocertificazione

Abbiamo costatato che il tentativo di garantire una possibilità di aiuto a
chi è povero, mediante dichiarazioni, tessere o altri documenti per così
dire ufficiali non solo è macchinoso, ma che proprio i “furbi” riescono a
farla franca lo stesso. Perciò, quando queste certificazioni non siano
esigite dalle leggi o dai regolamenti, preferiamo scrivere a caratteri
cubitali un cartello: “Questi generi alimentari sono destinati ai poveri,
chi non lo fosse, sappia che ruba il pane a chi ha fame!”. Sembra che
questo avvertimento sia alla fine molto più efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.