Il mio Credo

Ogni giorno, con le preghiere del mattino, recito anche il Credo, preghiera che recito assieme ai fedeli anche ogni domenica o in occasione di feste importanti.

Qualche giorno fa mentre lo recitavo, lasciandomi condurre, come una dolce nenia, dal ritmo delle parole che conosco fin dalla mia infanzia, mi è venuto da chiedermi: “Ma io in che cosa credo veramente?”.

D’istinto mi è venuto di rispondermi: “A tutto quello che la Chiesa mi chiede di credere, altrimenti dovrei cambiare mestiere!”. Però nella coscienza mi è rimasta la medesima domanda, magari formulata in maniera più specifica: “Quali sono le verità del Credo su cui mi appoggio con più fiducia e trasporto?”. Con un po’ di fatica e qualche disagio sono arrivato a questa conclusione: credo in Dio senza alcuna perplessità ed incertezza, credo che il cristianesimo dia le risposte più esaurienti alle domande sulla vita, sui rapporti umani, sul domani prossimo e futuro e credo che la Chiesa, con il suo insegnamento ed anche con i suoi riti mantenga vivi nel tempo e per tutti la proposta ed il progetto di Gesù. Di questo sono assolutamente sicuro e offrirei la mia vita per testimoniarlo, su tutto il resto invece, pur dopo tanto indagare, talora perfino esasperato, quante perplessità e quanti dubbi! Mi auguro tanto che il buon Dio accetti come sufficiente l’essenziale! Forse posso aggiungere, a mia difesa, che sono impegnato in una ricerca vera e sofferta e aperto ad ogni spiraglio di luce che da qualsiasi fonte mi giunga. Spero tanto che tutto questo mi basti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.