Il pericolo: Grillo

Ricordo di aver sentito, anni fa, una sentenza che mi ha fatto riflettere e che ritengo contenga tanta saggezza e verità: “La peggiore democrazia è sempre preferibile alla migliore dittatura”. Ci credo!

E’ pur vero che ogni tipo di democrazia ha sempre tanti limiti. Basti pensare alle presunte “democrazie” di tipo marxista o a quelle assembleari come quelle della Svizzera, che ricorrono ai referendum anche per motivi poco consistenti e che lasciano passare anche soluzioni egoiste, come l’ultima sull’ingresso di lavoratori stranieri. Pure la democrazia degli Stati Uniti ha i suoi limiti, perché i risultati delle votazioni subiscono pressioni non indifferenti dai dollari profusi da lobbies interessate. Quanto alla nostra democrazia s’è impantanata in un parlamentarismo fatuo e inconcludente.

Però se questi sistemi di governo tipici delle democrazie occidentali si confrontano con le dittature di Hitler, Stalin, Mussolini, Castro, Mao Tse-Tung e degli altri piccoli o medi satrapi dell’Africa, dell’America latina o dell’Asia, esse risultano veramente qualcosa di splendido e meraviglioso!

Faccio questa premessa perché un paio di giorni fa la televisione ha trasmesso la consultazione di Renzi a Grillo del Movimento Cinque Stelle, per la costituzione di un nuovo Governo.

La trasmissione mi ha provocato un brivido di angoscia. A parte la maleducazione di questo ciarlatano da circo, l’arroganza e la volgarità e i suoi sproloqui, ho avvertito la chiara premessa del potenziale dittatore. Da Hitler agli altri campioni di dittatura che ho elencato, tutti hanno cominciato come Grillo e Casaleggio, sua anima nera.

Questa gente intollerante e piena di sé, che sa tutto, vuole rivoluzionare tutto, far posto o “al sole dell’avvenire” o anche a qualche altro non precisato paradiso terrestre, che rinuncia a confrontarsi con gli altri e che per raggiungere il suo obiettivo è disposta a tutto, che butta fuori senza pietà chi dissente minimamente da loro, mi fa veramente paura.

La situazione sociale in Italia è la peggiore che si possa immaginare perché la gente non ne può più di chiacchiere, di promesse, di compromessi e di enunciazioni inconcludenti dei nostri politici. Perciò è più che mai propensa a sperare in qualcuno che rinnovi radicalmente la cosa pubblica del nostro Paese.

Sono certo che forse anche molte persone oneste, che stimo, hanno dato il loro voto a Grillo o sono propense a darlo e, appunto per questa stima che provo per loro, li avverto che il comportamento di questo triste figuro è purtroppo la premessa per una dittatura di cui c’è d’aver paura.

Ora che ho detto queste cose per tempo mi sento più tranquillo con la mia coscienza.

24.02.2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.