La disoccupazione in Italia

Uno dei miei drammi attuali – e, credetemi, non esagero nello scrivere “drammi” – è quello dei disoccupati che la crisi economica, nonostante Letta ci dica frequentemente che ci siamo lasciati alle spalle i brutti tempi, sta producendo ogni giorno più numerosamente.

A motivo dei Centri don Vecchi, di qualche iniziativa caritativa del passato e del presente e soprattutto della diffusione de “L’Incontro”, capisco di essermi fatto una certa fama in questo settore della vita cittadina. Ogni settimana almeno ventimila concittadini possono conoscere facilmente i mio indirizzo e il mio numero di telefono dalla facciata del nostro periodico, motivo per cui non passa giorno che io non riceva almeno un paio di telefonate per domandarmi se posso aiutarli a trovare un posto di lavoro.

Purtroppo ormai da tempo non posso assolutamente offrire neppure un pur esile consiglio. I giornali ci informano a iosa sui licenziamenti nelle fabbriche di una certa consistenza, però c’è pure un sottobosco di impieghi presso artigiani, di piccoli commercianti o semplicemente impieghi a livello personale, nel quale c’è una falcidia di concittadini che rimangono senza lavoro. Nel contempo dal mio piccolo osservatorio vengo a conoscere che la stragrande quantità di anziani vive sola, perché ormai la convivenza con i figli è praticamente scomparsa per una infinità di motivi, ma soprattutto perché la famiglia a dimensione patriarcale non esiste più.

Quando chiedo ai famigliari, in occasione del commiato, dove e come viveva il loro vecchio genitore rimasto solo, nella stragrande maggioranza mi si risponde che viveva con una badante, aggiungendo poi, quasi a scusarsi da un eventuale giudizio meno positivo, che era ben accudito e che loro lo visitavano di frequente. Mai mi capita di sentirmi rispondere che a fare questa assistenza sia stata una donna italiana.

Nei dieci anni da quando ho fatto “questo lavoro”, mai, assolutamente mai, mi è stato detto che “il vecchio” era accudito da una donna delle tantissime famiglie italiane in difficoltà, ma sempre da una extracomunitaria.

Non voglio di certo aggiungermi a chi afferma che gli italiani vogliono lavorare poco e percepire un buon stipendio, però resta il fatto che certi lavori faticosi, come quello a cui sto accennando, sono pressoché rifiutati in partenza dai nostri compatrioti.

Una volta ancora ritengo doveroso affermare che la nostra vita deve essere più sobria, deve avanzare meno pretese e meno diritti e tutti devono lavorare in maniera più seria, consapevoli che “il tempo delle vacche grasse” è certamente finito ed è doveroso condividere la sorte di più di tre quarti dell’umanità che da sempre vive un tempo di “vacche magre”.

02.02.2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.