Il comportamento del cittadino Monti mi fa ben sperare

Spesso ci sono dei piccoli segni che indicano lo spessore umano e spirituale di un uomo, di un popolo, ma soprattutto di una cultura. A questo proposito ho avuto modo di osservare che non c’è stato mai un discorso di spessore da parte di un presidente degli Stati Uniti d’America che contenesse un richiamo a Dio.

Da noi in Italia, purtroppo, pur essendo il nostro un popolo fondamentalmente di tradizione religiosa, forse più di altri popoli, ben raramente un capo di governo, o peggio ancora un Presidente della Repubblica, ha avuto ed ha il coraggio di interpretare il senso comune della sua gente rivolgendo un pensiero a Dio nei suoi discorsi ufficiali.

Questa forma di “rispetto umano” e di spirito antireligioso, nel passato era di certo determinato dal potere temporale dei papi, potere esercitato forse anche in maniera poco democratica e meno ancora rispettosa della libertà di coscienza dei cittadini da parte dello Stato pontificio e della sua politica.

Ora però, anche se non sono del tutto scomparse le intromissioni della gerarchia nella vita della nostra nazione, è meno comprensibile questo laicismo più o meno evidente nei comportamenti degli uomini della politica e soprattutto dei rappresentanti dello Stato.

Mi ha felicemente sorpreso che gli operatori dei mass media, nelle due domeniche successive alla nomina di Monti a capo del Governo, ci abbiano informato, senza sottolinearlo troppo, che tra i suoi vari impegni il nuovo presidente abbia trovato il tempo di andare a messa sia nella prima che nella seconda settimana della sua elezione. Tutto fa pensare che continuerà a farlo anche in seguito.

Questa notizia, seppur fuggevole e marginale al grave impegno che Monti si è assunto, che mi pare sia l’aspetto più vero del suo sentire cristiano, mi porta a pensare che egli sia una persona sana, un’espressione della parte più vera e più nobile del popolo italiano. Il fatto che il cittadino chiamato ad amministrare la cosa pubblica, vada a spasso con la moglie accanto, che parli con semplicità, che accetti di farsi carico di una situazione disastrosa e che poi vada anche a messa la domenica assieme alla moglie, mi fa proprio ben sperare. Questo fatto è ancor più positivo perché i politici della Seconda Repubblica ci hanno purtroppo abituati a vederli vestiti delle peggiori magagne e, dal capo del Governo in giù, con frequentazioni di bassa moralità. Chissà che sia finalmente la volta buona!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.