L’abbraccio del Signore in un fiore

Non so come avvengano i miracoli, né sono uno che li va a cercare a Lourdes o a Medjugorje, perché mi pare di non dovermi scomodare più di tanto; infatti mi capita di scoprirne qualcuno di splendido ogni giorno e in ogni dove.

Un famoso entomologo, il Faber, ha fatto un’affermazione veramente saggia e strabiliante quando ha scritto: “Io non ho bisogno di credere in Dio, perché lo vedo più volte al giorno ogniqualvolta butto il mio sguardo a destra o a sinistra, guardo in alto o in basso la natura e il creato!”. Io appartengo a questa categoria.

Al liceo, quando studiavo filosofia, ho imparato, condividendole, le cinque prove dell’esistenza di Dio formulate da san Tommaso d’Aquino; in aggiunta m’ha pure convinto la prova dotta di sant’Anselmo o la “Scommessa” di Biagio Pascal, però considero la natura e il mondo animale e, meglio ancora, l’uomo, come la prova più immediata e convincente dell’esistenza di Dio.

In questi giorni, parlando ai miei vecchi, nell’incontro infrasettimanale di riflessione e di preghiera, ho tentato di far loro da guida nella scoperta del miracolo della primavera. Io non sono una guida naturalista col patentino, perché non ho un linguaggio da poeta o da artista però, seppur in maniera maldestra, ho indicato loro i rossi intensi, i gialli dei millequattrocento tulipani che abbiamo piantato soltanto qualche settimana fa e che, come ad un ordine impartito con uno squillo di tromba, hanno aperto contemporaneamente le loro corolle, diventando la più ricca e varia di tutte le tavolozze dei pittori più insigni.

Li ho invitati a guardare con interesse i piccoli fiori multicolori del prato, la trapunta verde costellata da migliaia di margherite, ogni arbusto con un fiore di foggia e di colore diverso, concludendo: «Non avvertite l’abbraccio caldo e dolcissimo con cui il buon Dio si fa presente, ci manifesta il suo amore e il suo incanto?

M’è parso che anche i più vecchi, quelli che sono più sordi e rintronati, avvertissero la dolcezza dell’abbraccio del Signore e fremessero di una gioia struggente vedendo il miracolo più sublime che una creatura possa vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.