Oggi schierarsi è impossibile!

So di correre il grosso pericolo di essere accusato di qualunquismo, anche se questa accusa oggi non mi pare così alla moda come lo era un tempo.

Fino a pochi anni fa chi non si schierava con una parte, magari chiudendosi gli occhi e tappandosi il naso, era accusato di qualunquismo. Non ho mai ben capito la consistenza e la gravità di questa accusa, ossia ho capito, fin troppo bene, anche se gli interessati rifiutano questa lettura, che bisogna comunque schierarsi, anche se il novantanove virgola nove per cento non condivide la soluzione che pare meno dannosa.

Probabilmente ora io sono un qualunquista, pur sognando un governo di gente intelligente, aperta, non faziosa, dialogante e soprattutto sensibile ai bisogni dei più deboli. Non vedo proprio quale delle parti in campo e chi dei personaggi alla ribalta possa offrirmi questa soluzione. Capisco la diversità dei pareri, le matrici culturali, i temperamenti, le esperienze, i valori fondanti, però non capisco l’assoluta contrapposizione, il rifiuto del dialogo, di un onesto compromesso, la volgarità e la faziosità dei discorsi, l’aggressività, l’intolleranza e la perfidia di voler fiaccare a morte l’avversario, mentre la barca sta inesorabilmente affondando.

Un tempo capivo che le ideologie annebbiavano le idee e costituivano quasi una fata morgana che incantava ed illudeva, ora però il disincanto è totale e perciò non riesco a capire perché non si possa fare anche da noi quello che si fa in Germania o negli Stati Uniti!

Penso che la “maggioranza silenziosa” debba finalmente destarsi per mandare a casa i politici mestieranti di professione; per arrivare però a questo è necessario che la legge elettorale non sia più elaborata dai soliti noti di una parte o dell’altra, ma da un comitato di tecnici che studino soluzioni capaci di far emergere una nuova classe dirigente che non abbia nulla a che fare con i soliti personaggi intriganti che pensano soprattutto ai loro vantaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.