La Divina Provvidenza continua a sorprendermi

Non è passato neppure un giorno dall’episodio che mi ha riempito il cuore di rossore per aver dubitato della Divina Provvidenza, quando ho incontrato per strada una signora che io pensavo di non aver mai conosciuto, la quale, con un certo imbarazzo, mi disse: «Io sono quella della macchina!» Dapprima non capii, ma poi mi sovvenne che suor Teresa m’aveva confidato, con molto entusiasmo, che una signora le aveva detto d’aver comperato una di quelle automobiline, per guidare le quali non serve la patente, ma aveva capito che lei non era un tipo da andare in macchina e perciò, se non avesse trovato da venderla prima di Natale, l’avrebbe regalata a me perché organizzassi un’asta o un lotteria a favore del “don Vecchi” di Campalto, mettendo in palio la sua automobilina che mi avrebbe regalato.

Pian piano capii che la “signora della macchina” era appunto quella che mi fermava sul piazzale del cimitero. Lei soggiunse: «Ho trovato da vendere l’automobile che avevo deciso di non usare, ma siccome le promesse son promesse, e perciò vanno mantenute, le porterò quanto prima duemila euro delle quattromilacinquecento che ho preso dalla vendita!»

Ogni tanto qualcuno mi domanda, ma più spesso mi domando io stesso: «Dove ho trovato tutto quel sacco di miliardi che mi sono occorsi per costruire il “don Vecchi uno, due, tre ed ora quattro?» Poi soggiungo, quasi incredulo: «Li ho trovati così, per strada!» Però poi debbo correggermi, precisando doverosamente: «La Divina Provvidenza mi ha fatto trovare per strada, nei modi e nelle occasioni più inimmaginabili, tutti i denari che Ella ha deciso di investire a favore dei poveri vecchi di Mestre».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.