La Provvidenza non smette di rispondere ai miei dubbi!

Qualche tempo fa ho letto sulla rivista “Il seme”, periodico genovese che raccoglie riflessioni, episodi e testimonianze che appaiono in tutta la produzione letteraria del nostro Paese, un episodio riguardante un grande prete fiorentino, don Facibeni.

Questo sacerdote, che operò nella Toscana, specie durante la seconda metà del novecento, era impegnato in una grande opera sociale a favore dei più diseredati, ed avendo aperto una casa di accoglienza, gli serviva come sbocco un mulino dismesso che stava accanto alla sua struttura. Come sempre tocca a chi si occupa del prossimo, non aveva i soldi per l’acquisto.

Mediante la mediazione di un’anima buona, trovò due coppie di coniugi facoltosi che gli prestarono l’enorme somma, per quei tempi, di centomila lire, con l’impegno di restituire ogni sei mesi diecimila lire.

La prima data scadeva a dicembre e don Facibeni non aveva un soldo, sennonché, proprio l’ultimo giorno prima della scadenza, una signora gli donò le diecimila lire, che egli spedì immediatamente ai creditori. Costoro però, a stretto giro di posta, gli risposero che avevano deciso di concedersi il regalo di condonargli l’intero debito.

Letta la paginetta dell’episodio, che dimostrava, una volta ancora, quanto può la Divina Provvidenza, provai invidia verso il prete toscano sembrandomi che a lui le cose erano andate ben più lisce di quanto non capiti a me per il “don Vecchi” di Campalto.

Ma il giorno dopo la lettura di questo episodio, stavo smettendo le vesti liturgiche che avevo indossato per il funerale, quando uno dei fedeli venne nella piccola sagrestia e mi disse che aveva deciso di donarmi quindicimila euro per Campalto. «Non sono ricco, mi disse, ma posso permettermi questa partecipazione alla sua opera per i vecchi.»

Io non ho di certo la statura né la santità di don Facibeni, eppure la Provvidenza in un paio di anni mi ha fatto avere più di due milioni dei tre e mezzo che mi servono; spero perciò che non abbia difficoltà a fornirmi anche il resto. Di fronte alla promessa del benefattore mi è salita dal cuore alle labbra la confessione di Pietro: «Allontanati da me, Signore, perché sono un peccatore!»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.