L’occidente impazzito

Io non riesco più a capire il nostro mondo. In Pakistan, in Russia e in Africa ci sono centinaia di migliaia di bambini e di creature che muoiono di fame per le inondazioni, per gli incendi, per le lotte tribali e per guerre senza fine, mentre nella vecchia Europa opulenta e “cristiana” impera il consumismo e lo sperpero più sfacciato. Ma per non andare troppo lontano, anche in Italia, dove la destra dice che siamo sul punto di superare la crisi e la sinistra afferma che ci siamo ancora dentro, ma dove comunque tutti versano lacrime di coccodrillo sulle difficoltà delle classi medie e, peggio ancora, degli operai a reddito fisso, colonne infinite di auto percorrono il Paese in lungo e in largo, le spiagge sono peggio degli alveari, per entrare in un ristorante bisogna fare la coda e nelle discoteche si balla fino alle prime luci del mattino.

Questo è solo un aspetto del malcostume e dello sperpero, però ci sono altri aspetti meno appariscenti, ma non meno sacrileghi nei riguardi della sofferenza e della fame.

Mia cognata, qualche giorno fa, mi raccontava di una sua vicina di casa che conduce il suo cane a passeggio accoccolato nel passeggino per bambini e, senza arrossire di vergogna, le confidava che gli preparava le sardine ai ferri deliscate, affermando che voleva più bene al suo cagnolino che a suo figlio.

Chi di noi, quando fa brutta stagione non ha visto cani col cappottino addosso e chi di noi non s’è infastidito e perfino schifato per la pubblicità dei vari mangimi per cani e gatti, pubblicità in cui ci si sofferma sulla qualità e la cottura della carne? E chi di noi non ha visto alla televisione i concorsi di bellezza per cani e gatti, con le relative acconciature, con i profumi e i tagli eccentrici del pelo?

Ho letto in qualche parte che in Italia ci sono almeno cinque o sei milioni di cani. Perché Tremonti, senza lambiccarsi il cervello, non mette 50-100 euro di tassa a secondo della taglia e del pelo!?

E nel caso scandaloso delle sardine e del passeggino, nella sospirata riforma della giustizia, non si studia qualche giorno di galera per questi misfatti contro l’umanità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.