Il Signore mi ha impartito una pesante lezione di vita!

Il Signore anche questa volta mi ha impartito una severa lezione di vita, tirandomi le orecchie per bene!

Ho già confidato a questo diario che qualche giorno fa avevo dato, stizzito, ad un povero diavolo, mandatomi da un mio collega, 10 euro, ma malvolentieri.

La cifra era ben modesta ma, il modo di porgerla ancor più grave perché poco garbato e per di più controvoglia, da un lato perché questo prete continua a fare lo scaricabarile nei miei riguardi ed ogni volta che gli capita l’opportunità tenta di mettermi a disagio, pur sapendo che sono pensionato e che ormai non svolgo più alcun ruolo attivo nell’esercizio della carità all’interno della diocesi e dall’altro lato perché, come presidente della fondazione, sono il primo a dovermi impegnare per racimolare il denaro per pagare il don Vecchi di Campalto.

Per questi motivi avevo fatto quel misero gesto di carità nel peggiore dei modi, pur ricordandomi quello che, un tempo una piccola sorella di Gesù di padre de Foucauld mi aveva detto: “Anche un piccolo gesto di fraternità nei riguardi di un povero è sempre un gesto positivo”.

Un senso di disagio mi stava accompagnando, quando un paio di giorni dopo mi telefonò due – tre volte, un signore che pensava che io mi trovassi ancora in Via del Rigo nel cenacolo degli anziani e non riusciva a trovarmi; finalmente riuscì a raggiungermi al don Vecchi mentre stavo accompagnando alcuni signori a visitare la struttura “Le chiedo solamente mezzo minuto!”. Mi consegnò una busta piena di denaro. Tentai inutilmente di farmi dire il nome e di dirgli come l’avrei speso. Nella busta, contai, un po’ più tardi 5.000 euro.

Se n’è andato svelto, vedendomi impegnato. Subito ebbi la nitida percezione che fosse il buon Dio a punirmi per quella carità mancata di un paio di giorni prima.

Mi sto sempre più convincendo che il Signore non ha alcuna difficoltà a finanziare alcunché, ma desidera che io mi fidi e creda comunque e sempre nel comandamento dell’amore!

Spero che l’ulteriore lezione, questa volta ben pesante finalmente, mi giovi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.