Riflettendo sulla magistratura

Un signore mi ha mandato una e-mail piuttosto pepata circa delle mie valutazioni sulla magistratura, valutazioni espresse su “L’incontro” di qualche settimana fa.

Suddetto signore evidentemente condivideva le posizioni della sinistra e in particolare di Di Pietro, che ha fatto della difesa della posizione di una certa magistratura il suo punto di forza e il suo cavallo di battaglia.

Una volta tanto rinunciai alla tentazione della polemica e tentai la strada del dialogo ammettendo i miei limiti e soprattutto dichiarando convinto che pure io sogno una magistratura saggia, discreta e non schierata, ma non vedevo purtroppo ancora realizzato il mio auspicio.

Dopo qualche giorno m’è giunta una risposta garbata in cui s’avvertiva il dispiacere di un intervento angoloso e pungente.
Evidentemente il mio interlocutore s’è trovato nella situazione di aver dato una forte spallata verso una porta totalmente spalancata.

A parte questo incidente molto marginale, la situazione è molto grave per tre motivi: Primo, l’ organizzazione della giustizia è certamente farraginosa e antiquata; secondo, il rendimento, per i motivi più diversi, non è assolutamente vicino agli standard della giustizia non solamente dei paesi europei, ma anche di quelli dei paesi del terzo Mondo, pur essendo, i magistrati, i professionisti più pagati, sono la categoria che rende meno in assoluto; terzo, a motivo delle polemiche da parte dei politici e degli interventi extragiudiziari e spesso apertamente faziosi oggi i magistrati in genere, anche quelli più saggi e operosi, sono meno apprezzati dei pompieri, dei poliziotti o semplicemente dei metalmeccanici che prendono poco più di mille euro al mese.
I politici sono sempre stati poco valutati dall’opinione pubblica, ma i magistrati invece giustamente no.

Un tempo pensavo d’essere una voce isolata e perciò ero preoccupato d’essere, come spesso mi avviene, fuori del coro. Ora però che, pur con parole più compassate, ben oleate ed attente è d’accordo anche il Capo dello Stato, spero che anche la giustizia italiana riprenda quota!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.