Speranze d’oltre oceano

Obama, il presidentino nero degli Stati Uniti d’America, mi aveva fatto sognare; la sua bella famigliola, la sua dialettica che ha trascinato le folle, il coraggio di combattere prima con quella volpe della Clinton, che sotto la sua dolcezza femminile, nasconde un carattere d’acciaio, disinvolta e decisa (m’è bastato vedere come ha trattato quel povero e sprovveduto Bertolaso, rappresentante di un paese alleato, ma povero), poi con quell’agguerrito ed astuto competitore repubblicano.

Obama ha vinto alla grande, facendo sognare i poveri, i negri e i lavoratori non solo d’America, ma di tutto il mondo. A me è parso di riscoprire il piccolo e valoroso Golia, dai capelli fulvi, che affronta il gigante confidando solamente dei suoi ideali, dell’aiuto del Signore e dei ciottoli del fiume lanciati con la sua fionda.
Per qualche mese mi è parso che ce l’avesse fatta!

Finalmente il mondo poteva sognare ancora! M’ero illuso che lo spirito di quei Kennedy che io avevo conosciuto solamente dal lato migliore avesse pervaso il cuore e la volontà del piccolo nero emerso dalla miseria e dalla discriminazione. M’ero illuso che lo zio Tom non avesse sofferto e faticato invano.

Ho condiviso la sua prima battaglia: assicurare ai poveri d’America le cure e le medicine. Noi italiani in questo campo siamo gli “americani” e gli americani per quanto riguarda la sanità sono ancora i vecchi italiani emigrati in America.

Un po’ la crisi mondiale, ma soprattutto le lobbies, il denaro, ha reso difficile e grama la vita di Obama.

Sto seguendo con trepidazione la sua tattica, i compromessi, le sortite, i ripiegamenti.

Povero Obama spero che non crolli perché non sarebbe sconfitto solamente un progressista e un sognatore, ma quel che è più grave potrebbe sembrare che le vittorie si ottengono non con gli ideali, ma solamente con il denaro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.