“Dai frutti si risale alla bontà dell’albero!”

Ho pigliato un grosso granchio! Sono deluso ed arrabbiato con me stesso perché ancora una volta non ho tenuto conto del monito di Cristo: “Non giudicate”. Non solo ho fatto un giudizio temerario, ma questo giudizio ha pure l’aggravante del risentimento!

Mi spiego. Recentemente sono rimasto deluso ed irritato per il comportamento di una persona che mi ha confidato di appartenere ad una associazione religiosa che nasce da un movimento cattolico, oggi rilevante nella vita politica ed economica del nostro Paese.

M’era parso che questa persona avesse, in realtà, un comportamento settario, poco attento e rispettoso di altre persone che pur operano nell’ambito della chiesa. Per associazione di idee e per qualche altro elemento, che avevo abbinato al comportamento della “religiosa” di cui ho qui accennato, avevo assimilato la figura e il modo di fare del Ministro alla Pubblica Istruzione onorevole Gelmini. Il vestire modesto, l’atteggiamento marcatamente autoritario nelle decisioni, l’appartenenza alla maggioranza politica che governa il Paese, mi avevano indotto a pensare che anche la Gelmini fosse una “Religiosa laica” di quel movimento a cui ho accennato.

Mi sono sbagliato! Qualche settimana fa l’Annunziata, alla televisione, le ha fatto le congratulazioni per l’incipiente maternità. Ma allora pensavo di non aver capito bene; mentre poi ho appreso, dai giornali, che la Gelmini s’è sposata civilmente di notte e per ben due volte, nel dubbio che il luogo e il tempo inconsueti invalidassero l’atto civile.

Mi pare, questa donna, tanto una “beatina” nell’aspetto, ma in realtà è una donna di ferro nella sostanza, riservata e nello stesso tempo determinata nel riformare la scuola così malandata e poco produttiva a livello d’istruzione e peggio ancora di educazione a valori morali e civili.
Così va il mondo!

E’ sempre difficile giudicare, se non bastasse l’esperienza lo comprova la magistratura che ritiene che anche una decina d’anni è troppo poco per poter pronunciare una sentenza!

Spero e mi propongo che d’ora in poi mi atterrò all’altra massima evangelica: “Dai frutti si risale alla bontà dell’albero!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.