Dov’è Il vero “impegno cristiano”?

Ebbene è vero quello che pensava Esopo e cioè l’uomo porta sulle spalle la bisaccia dei suoi difetti, mentre appende al collo le sue virtù, così che non scorge i suoi difetti, mentre può rimirare i suoi pregi.

Perciò è normale e scontato che uno veda facilmente i difetti che il prossimo porta evidenti nelle sue spalle e non abbia coscienza dei suoi che non gli sono immediatamente visibili.

Pur premettendo tutto questo, debbo confessare tutta la mia amarezza e delusione quando incontro preti demotivati, parrocchie stanche e stantie che vanno avanti per forza di inerzia, comunità in cui non si avverte una progettualità, una ricerca di innovazione, sforzo di aprirsi al domani, passione per il bene, amore concreto per i poveri.

E’ per me quanto mai triste scoprire religiosi, senza religiosità vera, cristiani senza fermenti di autentico cristianesimo o fedeli con una fede formale, senza mordente e senza presa sulla vita.

I segni esterni che si rifanno al vocabolario religioso non solamente risultano falsi, ma perfino deludenti ed irritanti quando i contenuti sono ben diversi da quanto indicano suddetti segni.

Un prete senza zelo per le anime, per i lontani, un prete che non ricerchi appassionatamente strumenti o soluzioni per aprire un dialogo con le anime che gli sono state affidate dal Vescovo, un parroco che non appronti mass-media per parlare a tutti i suoi parrocchiani, che sia alla ricerca di associazioni o di luogo di incontro per i suoi ragazzi, non solamente non si rifà allo zelo del suo Maestro, ma rappresenta in realtà l’opposto di quanto dovrebbe essere.

Una religiosa o un frate preoccupato solamente di procurare introiti per la propria congregazione, che non si rapporti e non collabori con tutto “il corpo di Cristo” rappresentato dalla comunità cristiana nella sua globalità, non dico che sia “L’anticristo” ma certamente non dà volto vero al Cristo nella vita del mondo contemporaneo!

Sempre si è corso il pericolo di un “impegno cristiano” che in realtà era solo l’opposto di esso, vedi crociate, controriforma, inquisizione, indulgenze ecc.

Oggi poi in cui tutto si svolge sotto i riflettori dei mass-media tutto questo diventa più evidente e dissacrante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.