Il manifesto di Cristo

Quando si parla di manifesto quasi per istinto o meglio ancora per una cultura primordiale ed universale il pensiero corre subito a Marx, il barbuto sociologo della metà dell’ottocento.

Quel manifesto, non si può dire che abbia portato solo drammi e tragedie perché ha pure scosso dalle fondamenta una società che aveva solidificato i privilegi di pochi e l’esclusione dal benessere e dalla partecipazione alle scelte sociali di moltissimi, però alla fin fine è stato quanto mai rovinoso e alla prova dei fatti è fallito.

Il manifesto però che ha portato solo vantaggi all’umanità e che ne porterebbe ancora di più se fosse accettato ed attuato nella sua sostanza almeno dalla sua chiesa è quello di Cristo.

Il manifesto di Cristo è però meno conosciuto dalle masse popolari di quello di Marx, pur essendo proposto con molta evidenza fino dalle prime righe del Vangelo di Luca, quando nella sinagoga di Nazareth Gesù fa suo il progetto del Messia anticipato dal profeta Isaia: “Sono mandato ad annunciare ai poveri il lieto annuncio, la liberazione dei prigionieri, ai ciechi la vista, la libertà agli oppressi ed un anno di grazia”. Non potrebbe essere più evidente che Cristo ha come obiettivo l’uomo, la sua emancipazione, la sua libertà, la sua dignità.

Nel manifesto di Gesù però non c’è neppure accenno a pontificali, pratiche di pietà e riti in generale. Fortunatamente anche oggi nella chiesa ci sono movimenti, associazioni, uffici e quant’altro impegnati a realizzare il progetto di Gesù,. Però bisogna pur confessare che negli organismi di base quali sono le parrocchie esse favoriscono una cultura di massa di tipo intimistico rituale che non sempre è teso a promuovere la libertà, la giustizia, l’emancipazione dell’uomo e della società in cui vive.

L’andare spesso alla sorgente, ai documenti costitutivi del cristianesimo non solo è opportuno, ma doveroso, perché finiamo per scoprire un pensiero ed un programma che non sempre collima con l’indirizzo e gli obiettivi del Fondatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.