Benedetta la vecchiaia!

Da quattro anni sono in pensione, ma se non potessi confrontare le date del calendario, 2 ottobre 2005 – 2 ottobre 2009 sono certo che direi che sono in pensione da almeno 40 anni!

Ricordo quel terribile 2 ottobre di quattro anni fa quando, dopo aver celebrato la messa delle 15, mi chiedevo angosciato, cosa avrei fatto fino alle 20?, che era l’ora della cena solitaria.

Oggi tutto è diverso; le giornate sono intense, le ore scorrono veloci e l’appuntamento domenicale con la mia splendida comunità tanto amata e numerosa del camposanto, sembra che si sussegua senza soluzione di tempo, tanto le settimane sembrano ravvicinate.

Il telefono squilla fin troppo spesso e gli impegni si accavallano, anzi talvolta si sovrappongono a causa della mia memoria sempre più precaria.

Faccio veramente una vita che mi piace, vivo tra gente cara e simpatica pur appartenendo a tutte le età e a tutte le etnie del mondo.

“L’incontro” poi mi permette di lanciare messaggi, di essere presente ed attivo nella vita della chiesa e della città, cosa di cui ho frequente riscontro incontrando gente che si riferisce a prese di posizione ed ad interventi civili ed ecclesiali che la mia indole e le mie convinzioni mi “costringono” a fare.

C’è un salmo, che benedice il Signore anche per i ghiacci, le nevicate e perfino per le tempeste, se va avanti così dovrò benedire il Signore anche per la vecchiaia e per i doni che essa comporta!

Uno dei miei “ragazzi”, ora manager affermato, ogni tanto scherza dicendomi: “Don Armando, lei può permettersi di tutto perché alla sua età non è più perseguibile e i carabinieri non la possono portare in galera”!

Così io ne approfitto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.