La fede e la religione devon essere respiro dell’anima, non solo riti!

So che può diventare noioso e ripetitivo ritornare di frequente su certi argomenti, eppur c’è un qualcosa dentro di me che mi costringe quasi a ritornarvi, perché passati un po’ di giorni dall’ultima precisazione, ho la sensazione di non essermi spiegato bene, di non aver illustrato a sufficienza il problema che mi sta a cuore. Sempre gli uomini hanno corso il pericolo di ridurre la fede, soprattutto la religione che la esprime concretamente, ad una serie di pie pratiche, di osservanza di determinate norme morali, di cerimonie, preghiere e gesti di culto che non si coniugano profondamente con la vita reale, con i sentimenti, le attese e i bisogni più veri della nostra umanità.

Io non rifiuto i riti, le gestualità di religione, le vesti e tutta la coreografia cultuale perché fa parte delle esigenze della nostra sensibilità, ma tutto questo deve essere non solamente povero, sobrio, essenziale, in linea con i costumi e i gesti del tempo, ma soprattutto debbono esser profondamente coniugati con la vita, il bisogno di speranza, di valori, di autenticità, di assoluto, di immenso, di verità, altrimenti il tutto si riduce ad un solenne ed ipocrita formalismo privo di anima e di respiro spirituale.

Le mie classi di un tempo alle magistrali erano costituite quasi sempre da una stragrande maggioranza di ragazze, dai quattordici ai ventanni. Allora non avevo assolutamente bisogno che mi confidassero se erano innamorate o meglio ancora fidanzate perché era un dato che coglievo di primo acchito, c’era nel volto, nel portamento un incanto, una soavità, che faceva tutt’uno con la loro bellezza ed armonia di adolescenti che sbocciavano alla primavera della vita. L’amore illuminava i loro occhi, l’avvertivi nel tono della voce, nella flessuosità dell’incedere, nella luce del sorriso.

L’amore cantava nel cuore, ma pure nelle membra di queste giovani donne.

La fede e la religione se non diventano respiro dell’anima, sogno, speranza, certezza di essere amati, ebbrezza del dono della vita, gioia di scoprire un mondo sempre nuovo e popolato da fratelli da amare e con i quali camminare, si riduce fatalmente ad un armamentario da soffitta, o da costumi o scene da palcoscenico!

Oggi mi pare di aver finalmente detto quanto penso, ma sono certo che domani, di fronte ad un rito sontuoso, o di una predica “teologica”, o da un comportamento da funzionario di un’azienda multinazionale sentirò il bisogno prepotente di “spiegarmi meglio!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.