“Il mio ultimo amore”

Nota: questa riflessione di don Armando risale ai primi di ottobre e dimostra l’effettiva celerità dei lavori di allestimento della chiesa prefabbricata del cimitero di Mestre.

Può sembrare un’osservazione perfino paradossale, ma in verità almeno per un certo aspetto debbo dire che finalmente in cimitero c’è un certo pulsare di vita! “La rotonda”, seppur lentamente s’alza poderosa verso il cielo; il grande braccio azzurro dell’altissima gru rifornisce continuamente il cantiere che pian piano sta delineandosi nel cielo come una specie di torre di Babele che accorcerà la strada ai nostri morti per raggiungere il cielo!

Quando la grande costruzione circolare sarà terminata offrirà dimora, fino per il giudizio finale, a ben dodicimila mestrini, un nuovo intero quartiere in attesa della resurrezione!

Il piazzale del Cimitero e il relativo capiente parcheggio sono ormai ai ritocchi finali. L’erba splende verdissima col sole d’autunno, il gioco dei cubetti di porfido di diverse dimensioni ben si sposa sia col filare dei nuovi cipressi, che col piccolo mercatino dei fiori gestito da Carlo, che è sempre stato un po’ il patron del piazzale, ma ora lo è a pieno titolo.

Ora poi ferve intenso il lavoro per la base della nuova chiesa prefabbricata, che di certo costituirà “il mio ultimo amore!”

Mi hanno impressionato le fondamenta: scavi apporto di materiale inerte, betonata, armature in ferro ed altro cemento a volontà. Penso che potremmo costruirci sopra la torre di Pisa o il campanile di S. Marco.

Ho provato a chiedere agli operai il motivo di una fondazione così consistente. Non ne sapevano nulla come pure io non ne so nulla. Un muratore in pensione ha insinuato che servirà anche per il progetto di Caprioglio; che il comune e la Vesta ci vogliano fare per “i morti” una sorpresa! Presenteranno al Patriarca la chiesa in una confezione regalo, compresi i fiocchi, da aprire alla meraviglia dei mestrini! C’è un vecchio proverbio che dice: “È bene tutto quello che finisce bene!”. Una volta ancora voglio affidarmi alla saggezza dei nostri vecchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.