Anche gli uomini di Chiesa dovrebbero fare autocritica

Riflettere a voce alta su questo argomento so che è molto pericoloso per un prete, perché finchè un uomo di chiesa critica i partiti, il sindacato, gli organismi vari che hanno responsabilità nella conduzione della vita pubblica, almeno per quanto riguarda l’organismo di cui fai parte, non corri alcun pericolo di richiami, di critiche o di provvedimenti vari.

Se però il tuo discorso odora solamente di autocritica del mondo di cui sei parte, c’è sempre qualcuno dell’apparato che arriccia il naso, che al minimo, ti dice imprudente!

Io sono contento quando uomini di chiesa, che occupano posti importanti nell’organizzazione ecclesiastica, prendono posizione contro chi non rispetta la libertà, la dignità, il diritto di esistere, di avere una vita degna e per quanto posso gli do manforte, però mi piacerebbe che in tutto questo partissimo dalla nostra testimonianza anche perché non posso non ricordarmi di quella frase del nostro maestro: “Togli prima la trave dal tuo occhio e poi preoccupati pure della pagliuzza dell’occhio del tuo fratello!”

La chiesa struttura è certamente un qualcosa di consistente, dispone di molti mezzi economici, di molti fedeli, di una solida e vasta organizzazione, di un apparato mastodontico.

Non è che onestamente la chiesa se ne stia con le mani in mano, ma altrettanto onestamente potrebbe fare molto, molto di più! Quasi sempre poi quelli che si espongono e si impegnano a livello di difesa dei deboli, di soccorso ai poveri, di sostegno a chi è in difficoltà, sono spesso, non i vertici, ma la base, i singoli, quelli che non contano, quelli che sono spesso guardati a vista perché intemperanti, poco prudenti!

Non passa giorno che qualche monsignore, che presiede uffici, commissioni, dicasteri ed altro fa la sua “sfuriatina” contro il governo, contro certi provvedimenti.

Non dico che sempre non abbia ragione, però se assomigliasse un po’ di più al volto e all’opera di Madre Teresa di Calcutta o di San Vincenzo de Paoli, o del Cottolengo, ne sarei più orgoglioso e convinto.

Quando guardo a come le singole parrocchie, i cattolici di Mestre sono impegnati nei riguardi del prossimo, sono preoccupati della situazione degli “ultimi”, credo dovrebbero pensarci mille volte prima di pretendere che gli “altri” facciano o non facciano!”

Per me la critica dovrebbe sempre cominciare dall’autocritica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.