Parlare al prossimo come se fosse l’ultima volta che lo si fa

La chiesa che ufficio da più di quarant’anni si qualifica soprattutto per la funzione del commiato.

Nella chiesetta tra i cipressi non si fanno battesimi, non si celebrano matrimoni, né prime comunioni né cresime. Al di fuori degli incontri festivi di questa comunità solo apparentemente raccogliticcia, io celebro spesso la funzione del commiato e sempre in questa occasione mi viene chiesto voce e cuore per dire al proprio caro che parte per il grande viaggio che lo porta alla casa del Padre, le parole belle che sono state dette poco o male e purtroppo talvolta non sono mai state pronunciate.

Lo faccio tanto volentieri, e mi sento talmente partecipe alla sofferenza e all’amarezza dei familiari, tanto che spesso mi commuovo anche in maniera sensibile.
Spesso la gente mi ringrazia per tutto questo.

Qualche giorno fa mi è giunta perfino una lettera di un’anziana signora che mi aveva chiesto di celebrare il funerale del marito, ma che non mi era stato possibile accontentarla perchè già impegnato per un altro commiato. Ebbene questa signora mi ringraziava perché nella triste occasione dell’ultimo saluto al marito, si è ricordata delle parole che spesso mi aveva sentito pronunciare in occasioni simili nella mia vecchia parrocchia.

Monsignor Da Villa in occasione della prima comunione dei bambini diceva loro: “Quando vi accosterete all’Eucarestia, fatelo come fosse la prima volta, l’unica volta e l’ultima volta!”

Chissà che non mi si ricordi per una frase analoga: “Quando parliamo con il nostro prossimo, facciamolo col tono, la convinzione e l’intensità che lo faremmo se fosse l’ultima volta che abbiamo la possibilità di parlare con quella persona!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.