I lavori nel piazzale del cimitero

Il cantiere per il nuovo piazzale del cimitero ha messo in crisi la mia “parrocchietta”. Da un anno le ruspe e i “mostri” della tecnologia moderna, che scavano, ripianano con quegli enormi e poderosi bracci d’acciaio, hanno messo a soqquadro tutto lo spazio antistante al cimitero.

Hanno spostato il “monumento” all’obbrobrio e alla bruttezza dell’enorme antenna dei telefoni, e questo non è stato male, ma hanno pure messo a repentaglio l’accesso dei vivi e dei morti al nostro camposanto.

Non c’era più posto per le automobili e perciò i fedeli, in maggioranza anziani, una volta arrivati in prossimità del cimitero, non sapevano dove scendere e se venivano a piedi avevano tutte le trincee col filo spinato da superare.

A Dio piacendo, anche se in ritardo, pare che ci avviamo verso la fine e tutto possa ritornare alla normalità.

Mi auguro che quel popolo che si è disperso durante i lavori ritrovi la strada per accendere un lumino, per unirsi alla preghiera di suffragio per i loro cari del cielo.

Ora poi che l’intero piazzale è stato trasformato in un giardino fiorito e pare che vi siano anche le panchine, mi auguro che una volta salutati i propri morti e pregato per la loro pace, i nostri anziani si siedano per fare quattro chiacchiere prima di imboccare la strada del ritorno.

Spero poi tanto che nel budget per il riordino dell’intero piazzale, ci sia anche una voce per la manutenzione delle aiuole e per la pulizia, che non avvenga come all’interno del cimitero che, una volta piantate le begoniette, non gli hanno più dato una goccia di acqua e non c’è stato un minimo di custodia tanto che quelle che non sono morte per l’arsura, non solamente le buone signore le hanno rubate, ma ne hanno perfino asportato la terra dalle vasche!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.