Da “SEGNO DI UNITÀ” – 4 febbraio 2018

Da SEGNO DI UNITÀ” – 4 febbraio 2018
periodico della parrocchia Santa Maria della pace di Bissuola

Oltre al commento del vangelo della domenica del priore Enzo Bianchi, del messaggio della CEI sulla giornata per la vita e due tre altre iniziative parrocchiali, non c’è altro di specifico che meriti di essere menzionato, se non il compleanno di don Liviano, il parroco, il quale, nonostante i suoi 70 anni e i suoi numerosi acciacchi, continua imperterrito e generoso il suo servizio sacerdotale. Ci sono ancora “Gli incontri del civico 14” che penso riguardi le lezioni di una psicologa.

don Armando

gli incontri del civico 14
“Scegliere e andare a segno”

L’invito ha colpito la mia attenzione, ho ancora tempo per decidere ma ho anche le idee molto confuse, e quando si tratta di scegliere per se stessi, bisogna prendersi per tempo! Devo dire che la serata ha da subito preso una piega inaspettata, non un manuale d’istruzione all’uso, ma una serie di domande su noi stessi: “Cosa vi piace, cosa v’interessa?”, “Quali sono i vostri sogni per il futuro?”, “Quali le vostre aspettative?”. E chi se le era mai poste queste domande?

La dottoressa Carrara si è da subito rivolta non ai genitori, ma a noi diretti interessati e, con fare spiritoso e comprensivo, ci ha messi a nostro agio e ci ha guidati alla ricerca delle possibili risposte. Ci ha spiegato che, appunto, non c’è una sola risposta ma più di una per ciascuno di noi e che possiamo trovarle partendo da noi stessi, dai nostri interessi, i nostri sogni, le nostre aspettative.

Secondo lei il “barbatrucco” è concentrarsi non solo su ciò che ci piace, ma provare a pensare che anche ciò che magari non ci va, può tornare utile; che è meglio essere curiosi e lasciare aperte più strade per poter adattare ciò che ci piace al nostro futuro.

Insomma non ho ancora idea di quale scuola frequenterò, ma di sicuro ho materiale in abbondanza su cui riflettere, quindi posso dire che la serata è davvero “andata a segno”!

Marco

IL COMPLEANNO DI DON LIVIANO

Domenica scorsa 28 gennaio, don Liviano ha compiuto settant’anni. Al termine della s. messa delle 9.30 gli è stato rivolto un messaggio di auguri:

«Festeggiamo oggi il settantesimo compleanno del nostro parroco. Una vita spesa a disposizione degli altri. Con alterne fortune, come in tutte le umane vicissitudini, ma sempre con riconosciuta onestà intellettuale e incondizionata fiducia nell’intervento della Provvidenza. È un compleanno importante, in cifra tonda, un compleanno che potrebbe indurre a guardarsi indietro, ad abbandonarsi ai ricordi e, come si dice, tirare i remi in barca. Ma non è così, il compleanno non è un momento di verifica, di consuntivo, di conclusione. Il compleanno è una rampa di lancio verso un futuro che ci ha già preso sottobraccio e non lascia tempo a nostalgie. Bisogna essere pronti a prendere lo slancio e lanciarsi senza indugi verso le nuove sfide che ci attendono, forti dell’esperienza e del supporto degli amici incontrati nel percorso.

Sono settanta!! E vero, non sono pochi ma come ebbe a dire una sagace signora: «Io i miei anni voglio mostrarli tutti; li ho vissuti, non li ho mica rubati»!!!.

Auguri! Buon Compleanno don Liviano.

DON LÌVlANO RINGRAZIA

Innanzitutto ringrazio tutti per le dimostrazioni d’affetto ricevute in questi giorni, prima e dopo il 28 gennaio, dall’assemblea riunita per le ss. messe delle 9.30 e delle 11.00 ma anche singolarmente da chi ha voluto farmi gli auguri di persona, per telefono, via mail, sfruttando ogni mezzo di comunicazione! Ringrazio per il dono dell’orologio altamente tecnologico, per il quale dovrò fare un… corso veloce di apprendimento, per la stola e per quei “presenti” che singolarmente mi sono stati fatti.

Gratitudine inoltre provo per tutte le persone che si sono date da fare affinché potessi festeggiare serenamente il compleanno assieme ai miei famigliari, fratello, cognata, nipoti e bisnipoti che hanno rallegrato la mensa. Qualcuno ha cucinato, altri hanno servito a tavola. Queste persone mi hanno fatto il regalo gradito della loro disponibilità e hanno fatto sì che tutto filasse senza intoppi.

E ringrazio anche per le preghiere che la Comunità ha rivolto al Signore perché mi accompagni come del resto ha sempre ha fatto! Grazie ancora!

Don Liviano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.