Delusione

Qualche tempo fa ho avuto modo di apprendere che un collega, che stimo per il suo impegno, mi rifiuta in modo quasi stizzito e astioso.

So che ognuno di noi, pur operando all’interno del grande alveo di Santa Madre Chiesa, si propone ed opera in maniera diversa e so anche che tra me e lui vi sono diversità sul modo di vivere l’ascesi cristiana, l’impostazione pastorale con cui porsi di fronte al mondo contemporaneo e le modalità concrete con cui offrire il messaggio di Cristo.

Sono sempre stato convinto che la diversità arricchisca e per questo ero certo che mi accettasse così come io ho sempre accettato lui ma purtroppo non è così. Sono venuto a sapere, in modo fortuito, che da molto tempo mi rifiuta, ossia rifiuta il mio modo di testimoniare Gesù nel nostro tempo precludendo alla sua comunità l’opportunità di confrontare i nostri due modi, così diversi, di interpretare il ruolo del prete oggi.

Questa scoperta mi ha profondamente addolorato e mi ha indotto a verificare, ancora una volta, le mie posizioni ideali anche se la venuta di Papa Francesco e la sua testimonianza mi pareva avallassero le mie scelte di cristiano e di sacerdote. In questi giorni ho ripreso in mano i miei “averi”, le mie ricchezze ideali che con tanta fatica sono riuscito a consolidare durante la mia lunga vita. Ne faccio una verifica sommaria:

  • Sono per una Chiesa povera e per i poveri.
  • Ritengo che ognuno abbia da offrire il suo piccolo apporto di verità.
  • Penso sia un dovere sacrosanto obbedire senza essere servili o obbedienti solo a livello formale.
  • Ritengo sempre valido il primato della coscienza.
  • Ritengo che la solidarietà debba essere l’obiettivo principale del nostro vivere da cristiani.
  • Ritengo doveroso il confronto di idee con tutti: con chi sta in basso, con chi è al proprio livello o con chi sta in alto.
  • Ritengo che la carità se non diventa concreta e il prete non si sporca le mani con le problematiche di questo mondo il suo impegno si riduce ad aria fritta.
  • Temo infine una vita cristiana troppo contrassegnata da riti.

Questi sono alcuni dei miei “tesori” che custodisco con attenzione e ai quali mi ispiro nel mio operare. Quando avrò un po’ più di tempo cercherò di presentarne qualche altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.