I balletti del dialogo

Qualche mese fa ho scritto d’aver “partecipato”, un po’ in disparte, al funerale di un maomettano. La bara era stata posta nel giardino antistante alla “mia cattedrale tra i cipressi” di fronte al fazzoletto di terreno coperto di ciottoli di fiume tra cui desidero vengano disperse le mie ceneri quando il Signore chiamerà in cielo la mia anima.

Sono stato colpito dalla compostezza di un folto gruppo di uomini attenti alle parole del loro Imam. Sapendo che anche i mussulmani credono in una vita ultraterrena, che anch’essi ritengono più bella e più felice di quella presente, penso che il loro ministro del culto abbia richiamato questa verità di fede ed abbia chiesto per tutti l’aiuto del profeta Maometto.

Domenica mattina, mentre salivo in macchina dopo la Messa, mi sono accorto che nello stesso giardino, tra un verde fresco di primavera e sotto un sole dolce e accattivante, si stava svolgendo un altro funerale. Ho supposto, osservando i tratti somatici dei partecipanti al rito, che si trattasse di un cinese o di un giapponese ed ho osservato la stessa scena composta e serena del funerale maomettano che avevo in precedenza seguito. I giovani che vi partecipavano erano vestiti bene e tenendosi per mano, ragazzi e ragazze compivano una sorta di girotondo silenzioso attorno alla bara coperta da un cuscino di fiori bianchi. C’era tra loro un uomo più anziano che ho supposto guidasse il rito funebre. Non mi pare che recitassero preghiere, però mi sembravano sereni di fronte al mistero della morte.

Mi è venuto spontaneo confrontare quel rito con il commiato cristiano ed ho sognato che, prima o poi, riusciremo a scambiarci opinioni circa la fine della vita, convinto di poter offrire le nostre belle verità ma anche desideroso di apprendere le loro. I due funerali si sono svolti in una bella cornice però sarei stato più felice se anche loro avessero potuto salutare i loro cari e pregare nella mia chiesa. Ora è presto ma verrà pure il giorno in cui metteremo finalmente assieme le preghiere e le speranze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.