Anche da noi

Un paio di settimane fa ho confidato, agli amici de “L’Incontro”, che mi sono sentito quanto mai gratificato dalla decisione di un giovane barbiere dell’alta Italia che ha scelto di lavorare anche il lunedì, tradizionale giorno di riposo per questa categoria di lavoratori, e di mettere a disposizione dei poveri il ricavato della sua fatica. Qualche giorno fa sono andato da Valter, il mio barbiere, che conduce, assieme a sua sorella, uno dei più eleganti saloni della nostra città. Valter è un gran bravo ragazzo che, pur diplomato al Pacinotti, ha scelto di dedicarsi a questo lavoro artigianale, lavoro che svolge con scrupolo, competenza e grande cordialità. Piano piano è riuscito ad acquistare il suo negozio in via Trezzo e recentemente lo ha fatto restaurare trasformandolo in uno dei saloni più eleganti e frequentati di Mestre. Sono anni che affido a lui la mia chioma, in parte perché il suo negozio è a due passi dalla mia vecchia parrocchia, ma soprattutto perché mi piace incontrare un professionista serio che lavora bene e con gusto. Io frequento raramente il barbiere perché mi pare di avere sempre cose più interessanti e urgenti di cui occuparmi ma, ogni tanto, finisco con l’andarci, un po’ perché mi sento a disagio per la mia capigliatura scapigliata e ribelle ma soprattutto perché le “mie” vecchie brontolano per il mio aspetto. L’ultima volta che ci sono andato, per una naturale associazione di idee, mi è tornato alla mente il parrucchiere benefico della televisione e quasi con sorpresa mi sono detto: “Mi sono sentito edificato perché quel barbiere, a me sconosciuto, lavora un giorno alla settimana devolvendo il ricavato in favore dei poveri e perché non dovrei provare lo stesso sentimento per il “mio” barbiere di fiducia che da una vita, conoscendo il mio impegno in favore dei vecchi poveri, mi taglia i capelli accettando solamente cinque euro?”. Talvolta ci sorprendono le cose belle che leggiamo sui giornali e non ci accorgiamo di quanto ci sia di bello, nobile e generoso anche nella nostra vita di ogni giorno! Al che ho rinnovato il proposito di annotarmi tutte le cose buone in cui mi imbatto giornalmente per lodare il Signore e credere nell’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.