Libertà e rispetto

Io idealmente c’ero tra i quattro milioni di francesi che hanno condannato in maniera forte la violenza del fondamentalismo islamico.

Io ci sono e ci sarò per quanto si tenterà di fare per disinnescare la crudeltà, l’assolutismo e la barbarie dell’islamismo impazzito e fuori da ogni norma umana e civile ma, dopo aver affermato questo con assoluta decisione, devo altresì affermare che coltivo, nel mio animo, altri due sentimenti ben chiari e motivati.

Primo: ritengo, che nonostante tutte le atrocità, si debba battere soprattutto la via del dialogo e del compromesso se non vogliamo macchiarci degli stessi crimini del fondamentalismo islamico. La prova di forza, le armi e la violenza non possono che generare la stessa brutalità della quale certi mussulmani si stanno attualmente macchiando.

Secondo: pur condividendo il principio della libertà di stampa, della critica e perfino dello scontro dialettico, non riesco né a comprendere, né a giustificare, né tanto meno ad approvare il sarcasmo e l’ironia della satira su argomenti che toccano, tanto intimamente, la sensibilità e le convinzioni di altri esseri umani. Credo che la libertà di parola non possa e non debba mai ricorrere al disprezzo, all’irrisione che sono propri della satira. Sapendo poi quanto, giustamente, i mussulmani siano attenti e gelosi della loro fede e del loro profeta, ritengo che l’attenzione e il rispetto dovrebbero essere ancor più rigorosi quindi, se i giornalisti del giornale che ha subito la pur tanto deprecabile e sproporzionata reazione, si dedicassero all’informazione sarebbero ora più meritevoli ma purtroppo pare vogliano insistere con la satira.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.