Lettere al direttore

In quasi tutti i periodici c’è una rubrica che pressappoco porta come titolo “Lettere al direttore”. Non sempre è il direttore stesso che risponde alle richieste, ai suggerimenti o alle proteste dei lettori; spesso è un giornalista piuttosto brillante che ha questo compito.

Quando ho un momento di tempo io leggo questa rubrica del Gazzettino, dell’Avvenire, di Famiglia Cristiana e degli altri periodici che seguo in qualche modo. E’ quanto mai interessato a conoscere il parere dei miei concittadini.

Spesso chi scrive segue con passione qualche problema e scrive al giornale quasi per tentare di convincere anche gli altri della validità della sua tesi. Spesso si tratta di persone intelligenti, brillanti e soprattutto “libere”. Già i romani affermavano “Tot capita tot sententia” che si può tradurre liberamente “a questo mondo ci sono tanti pareri quante sono le persone ed ogni parere è un apporto per una soluzione positiva”. In Italia poi, patria dell’individualismo, questa sentenza è persino esageratamente modesta.

Noi, ne “L’Incontro” non abbiamo questa rubrica a motivo dello spazio e soprattutto perché manca l’esperto per le risposte. Però questa volta ritengo di fare una qualche osservazione su una lettera giuntami l’altro ieri perché l’argomento mi interessa abbastanza: si tratta di una signora settantenne che dice di leggere spesso il nostro periodico, di apprezzarlo e di stimarmi. Avendo ravvisato in un numero pregresso del periodico qualche mia battuta un po’ sorniona e critica su certe persone che pare abbiano un po’ esagerato con gli animali, si lancia in un discorso di quattro fitte pagine per difendere queste creature, per invitare i cittadini a rispettarli e per condannare chi non se li prende a cuore.

Questa signora non nasconde il desiderio che io pubblichi la lettera sperando di poter “catechizzare” i concittadini su questo argomento. La cosa non mi è possibile, ma desidero far sapere a questa signora e ai lettori che io condivido il suo invito e la sua deprecazione verso chi fa soffrire queste creature e l’assicuro che, essendo un ammiratore della cultura indù e soprattutto di san Francesco non mi permetto di uccidere neanche un moscerino e rimprovero suor Teresa quando scopa via le formiche dal pavimento di casa.

Detto questo però confesso con altrettanta franchezza che amo e mi preoccupo più degli uomini che degli animali, non condivido l’atteggiamento di chi spreca troppo tempo e denaro per loro e soprattutto chi tenta di far vivere agli animali una vita che non è conforme al loro istinto.

Confesso pure a questa cara signora che mi vengono i brividi quando vedo la pubblicità di certi alimenti per cani e gatti, quando constato ogni giorno che vi sono tante persone che apprezzerebbero anche un cibo meno pregiato.

27.02.2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.