Api operose

Una delle cose che mi piacciono di più alla televisione sono i documentari sulle specie vegetali, ma soprattutto su quelle animali. Ogni tanto alla sera riesco a “beccare”, quasi sempre per caso, questi programmi che mi fanno sognare e che offrono una immagine di Dio non solamente sapiente, ma soprattutto pieno di estro e di fantasia, un Dio tanto più simpatico di quello che i miei docenti di teologia, ai tempi del seminario, mi han fatto conoscere e che assomigliava ad un professore di matematica, fisica o chimica, tutto serio e compassato che dà solo lezioni di logica. Penso alle cinque prove sull’esistenza di Dio di san Tommaso, un Dio tanto diverso da quello ricco di fantasia, un po’ sornione e geniale, che si diverte come un bambino con il lego, a costruire creature quanto mai interessanti – vedi i miliardi di uomini e donne tutti diversi e tutti meravigliosi, e altrettanti miliardi di animali e di piante tutti diversi e tutti di una ricchezza e di una ingegnosità sorprendente.

Mentre però l’uomo, il più elevato in grado tra le creature di Dio, per poca umiltà, e soprattutto per la sua supponenza, s’è pressoché rovinato usando male del dono della libertà, piante ed animali, che pare non abbiano commesso il peccato originale, sono rimasti tali e quali, come erano usciti dalla infinita intelligenza della mente di Dio e perciò sono di una ingegnosità e di una bellezza sorprendenti.

L’altro ieri ho seguito una “lezione” sulle formiche e i loro formicai che rappresentano, nella loro specie, delle vere cattedrali. Era un vero spettacolo vedere una folla di formiche portare nei loro magazzini degli enormi – per loro – fili d’erba. All’interno del formicaio questi fili si decompongono e fanno nascere così un fungo di cui esse sono ghiotte e che, al tempo stesso, produce anidride carbonica che mantiene a temperatura la loro dimora collettiva.

Quante volte, camminando per i prati, non ho dato un calcio a qualche piccola montagnola di terra che mi sembrava un qualcosa di banale e di insignificante, mentre ora ho appreso che ogni formicaio rappresenta una struttura quanto mai complessa, funzionale ed articolata, costruita con intelligenza da “vari ingegneri” e da “docenti” di fisica. Questi dati sono poi i più macroscopici, ma ad una analisi più approfondita anche un semplice formicaio e i suoi abitanti rappresentano un mondo affascinante da scoprire.

Queste esperienze mi aiutano a liberarmi da un concetto statico, freddo e compassato di Dio e lo sostituiscono col volto sorridente e divertito di Chi ha costruito un mondo così vario e complesso, perché io non finisca mai di scoprire quanto sia infinito e sapiente il Dio che volle che io fossi suo figlio.

03.01.2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.