In crociera con i vecchi

Martedì 16 aprile ho accompagnato i miei vecchi in “crociera” a Chioggia. Ben s’intende io ho fatto da cappellano, mentre al timone della “nave” c’era uno staff di gente preparata e capace.

Siamo partiti alle 14 con due pullman con 110 croceristi provenienti dai centri di Carpenedo, Campalto, Marghera e con qualche anziano aggregato alle nostre iniziative. L’appuntamento era per le 15,30 presso il santuario della Madonna della Navicella a Chioggia.

Il giovane parroco di una comunità di 12.000 fedeli ha accolto noi pellegrini con simpatia ed affetto veramente straordinari. La fama del “don vecchi” ha ormai varcato di molto i confini della città, tanto che, entrato in una chiesa, durante la passeggiata lungo il corso, un prete anziano che stava dicendo il rosario, dandomi un’occhiata, mi disse: «Lei è don Armando, il famoso prete di Mestre?». Non pensavo proprio che ci volesse così poco per diventare celebri!

Il parroco della “Navicella”, con molta sobrietà, ci raccontò la visione dell’ortolano del 1500: purtroppo anche a quei tempi a Chioggia imperversavano malcostume, crisi religiosa e morale. Non c’è proprio nulla di nuovo sotto il sole!

Comunque la liturgia risultò quanto mai devota e partecipata. Abbiamo pregato perché i nostri parlamentari sappiano eleggere un presidente – uomo o donna – corretto, onesto e non di parte, così da poter rappresentare con dignità il nostro popolo. Abbiamo pregato per avere un governo, perché senza l’aiuto del Cielo pare un’impresa impossibile.

Al sacro è succeduto il profano: merenda – tre panini a testa, con salame e formaggio, dolce, vino e bibite. Pure la merenda è stata quanto mai viva e partecipata. Infine la passeggiata lungo il corso principale di Chioggia, quanto mai animato e vivace, per andare ad ammirare la laguna e soddisfare la curiosità di verificare se suull’alta colonna corinzia che sta in fondo al corso c’è realmente “il gatto” al posto del leone di san Marco?

Io ci vedo poco, comunque, anche se di leone si tratta, esso è solamente un cucciolo di leone, ma pare che i chioggiotti vivano lo stesso, infatti i bar erano tutti affollatissimi.

Verso le 19 ritorno felice a casa a motivo del “bellissimo pomeriggio” costato, tutto compreso, 10 euro!

E dire che la gente cerca il bello mille miglia da noi, pagando migliaia di euro, mentre abbiamo dei paesaggi, delle città impareggiabili sotto casa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.