I cento fagioli

Uno dei discorsi che ricorrono frequentemente durante le riunioni in cui i preti discutono sul come trasmettere il messaggio di Gesù alla gente del nostro tempo, che sembra sempre più allergica al discorso religioso, è quello della necessità di rievangelizzare facendo una proposta cristiana seria soprattutto agli adulti, mediante corsi di specializzazione evangelica e teologica.

E’ da molti anni che sento questa sinfonia, ma ho purtroppo l’impressione che non ci siano molti risultati positivi, anzi che capiti, come quando stavamo perdendo la guerra nell’ultimo conflitto mondiale e i bollettini affermavano che le ritirate erano fatte per ottenere migliori risultati futuri, tanto che spesso mi viene la nostalgia della pastorale dei nostri vecchi parroci che pretendevano che i bambini conoscessero bene e a memoria le formule delle principali preghiere, le definizioni delle verità cristiane contenute nel catechismo di Pio X, visitavano gli ammalati, benedivano le famiglie, facevano prediche semplici e pratiche e che stavano il più possibile accanto alla gente della loro parrocchia.

Con questa pastorale semplice sono riusciti a formare delle coscienze cristiane così solide che i loro parrocchiani vivevano e morivano rifacendosi e ricorrendo in ogni circostanza al buon Dio.

Qualche giorno fa fui chiamato a dare una benedizione ad un’anziana signora, serena e credente anche nel momento della prova. La cara e buona nonna mi raccontava che sua madre ogni sera le consegnava un sacchetto con cento fagioli e le raccomandava di non addormentarsi senza aver detto le preghiere contandole con i fagioli. Aveva, questa signora, 90 anni ma la sua fede era fresca e viva come se ne avesse avuto 10 e fosse una bambina da prima Comunione.

Penso che la concretezza, la semplicità, il ribadire con forza e costanza gli stessi concetti sia ancora il modo migliore per passare e radicare dei sani e duraturi convincimenti, come la nebulosità, la frammentarietà, l’improvvisazione e l’artificiosità producono solamente confusione e nessuna convinzione profonda.

Tanto che la proposta dei cento fagioli pare sia ancora più produttiva di tante preghiere spontanee che non fan altro che proiettare all’esterno la confusione interiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.