Credenti

Qualche tempo fa una signora, amante della filosofia, mi fece qualche osservazione in merito alla mia presentazione assai positiva di un lettore di “Gente Veneta” che, in una sua lettera al giornale diocesano, appoggiandosi alle prove dell’esistenza di Dio addotte da san Tommaso, affermava che credere è un atto razionale, mentre lo è molto meno – anzi non lo è – il non credere.

Io sono d’accordo con questo signore e sono pure convinto che la metafisica non sia roba vecchia da mettere in soffitta. Mentre mi trovo d’accordo con questa signora che la pura razionalità non produce fede. La razionalità nuda e cruda non giustifica nemmeno l’amore, la bellezza, la verità e così avviene pure per la fede. La fede è un dono misterioso e magnifico che il buon Dio concede sempre quando il cuore e la mente dell’uomo sono limpidi, umili e aperti al raggio di luce che viene dall’alto e che arriva attraverso i canali più disparati.

Ricordo una raccolta di una quarantina di testimonianze raccolte da un volontario della “pro civitate cristiana” di Assisi, in cui persone provenienti da esperienze le più diverse raccontano come sono approdate alla fede. C’è perfino lo scrittore Pittigrilli che afferma di esserci arrivato attraverso una strada assai insolita: lo spiritismo. Il credere è una luce interiore che s’accende, magari flebilmente e ad intermittenza, è un intuito che supera la pura logica razionale, ma che si rifà ad una sapienza sottile che viaggia su una lunghezza d’onda esistenziale e che appartiene alla natura profonda della coscienza umana.

Qualche settimana fa, parlando, nel mio sermone domenicale, della resurrezione e della vita nuova affermata da Cristo, mi sono rifatto ad un film che racconta l’avventura di Cristoforo Colombo. Mi pare di vederlo ancora, appoggiato alla paratia della sua fragile caravella, sballottata tra le onde dell’oceano infinito, mentre scruta l’orizzonte sempre irraggiungibile; egli è solo, incompreso, con poche motivazioni razionali e sente che ci deve essere “un’altra sponda” e che, sfidando l’irrisione, prima degli uomini della cultura e, poi, la diffidenza e quindi la disperazione della sua ciurma, crede, contro ogni speranza, “all’esistenza delle Indie”.

Il credente è colui che usa sì della ragione, ma fa leva soprattutto sulla sua percezione profonda che gli suggerisce che la vita ha senso, ha un approdo e fiorisce dopo quella che gli atei chiamano “fine” e i credenti “principio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.