Chi si preoccupa degli orfani spirituali?

Molte volte mi sono ripetuto affermando che il testo su cui faccio meditazione di primo mattino, non ha nulla di quello che normalmente si definisce teologico o mistico, ma sono delle semplici riflessioni oneste e concrete di cristiani che non appartengono neppure alla chiesa cattolica.

Uso questo testo perché è breve, i ragionamenti tengono i piedi per terra e soprattutto non mi fanno dormire.

Qualche giorno fa ho letto la testimonianza di una fedele dell’Ohio, Stati uniti. Racconta questa signora che da bambina non avendo più famiglia, è stata data in affidamento al pastore della comunità (che bello ed umano questo gesto di questo pastore, credo che noi preti abbiamo molto da imparare da queste scelte!) La madre poi ha trovato un lavoro ed è andata dal pastore a riprendersi la ragazzina.

Suddetto pastore, s’era fatto carico personalmente delle spese, e quindi consegnò interamente alla madre i soldi che aveva ricevuto per il suo sostentamento.

Quel pastore evidentemente aveva compreso ed attuato l’affermazione di Giacomo che dice, “che la religione pura e senza macchia davanti a Dio Padre è questa: soccorrere gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni, e conservarsi puri nel mondo”.

Già questo sarebbe un fatto di coscienza esemplare, ma la sorella di fede va oltre sul vero significato di “orfano” dicendo: “Se noi vogliamo una religione pura e senza macchia, dobbiamo prenderci cura degli orfani spirituali, aiutandoli ad entrare in relazione col Padre Celeste.”

Questo discorso, che non fa una grinza, pare che neppure sia preso in considerazione dalle parrocchie, dai preti, dai frati, e dalle monache e da gran parte di quel numero sconfinato di “cristiani” che appartengono ad una miriade di associazioni e movimenti cattolici più o meno fondamentalisti!

Molti, troppi affermano che non si può far nulla a ciò, ma non ci ho mai creduto; io che sono l’ultimo e uno del vecchio stampo con la mia pensione riesco a stampare quattromila e cinquecento copie di un settimanale che spera di essere una proposta ed una verifica cristiana e con i miei volontari ospitiamo 300 anziani e vestiamo tre quarti di anziani della nostra città!

Credo che un po’ di autocritica fraterna sia doverosa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.