“Parce sepulto” ovverossia “Rispetto comunque per i morti”

Non so proprio se sono stato fortunato o sfortunato.
Mi avevano chiesto di celebrare il commiato di un fratello, che in un momento di solitudine e di sconforto aveva messo fine alla sua vita.

Il commiato poi si svolgeva in una cornice particolarmente fosca, perché i giornali erano ritornati tante volte su una vicenda estremamente complicata ed amara. Come si sa la cronaca nera risponde sempre ad una morbosità dell’opinione pubblica che pare sia particolarmente attratta dal macabro.

Io avevo appena letto i titoli, non m’ero fatto un’idea seppur sommaria di ciò che era avvenuto e comunque anche se avessi tentato di capirci qualcosa non ci sarei riuscito. Vedo come sono trattate queste cose nei tribunali; dopo mesi di sedute la giuria rimane ore ed ore in camera di consiglio per decisioni sofferte che credo abbiano sempre dei grossi margini di dubbio.

Nell’attesa del rito funebre ero non solo turbato, ma estremamente preoccupato per non dire una parola in più o in meno che fosse stonata o non opportuna.

Per grazia di Dio arrivò un sacerdote, che pur lui non conosceva il defunto, ma che aveva qualche elemento in più di quanto io avessi.

Io partecipai perciò con gli altri fedeli in rigoroso silenzio e con grande pietà verso tutti i presenti che erano coinvolti dal dramma.

Dalle parole del celebrante ne è emersa una figura bella e quanto mai positiva, tanto che ne rimasi sollevato nello spirito.

Sennonché mentre la gente usciva di chiesa, una persona, che credo informata mi disse che la chiesa era piena di cocainomani e di spacciatori.

Io rimango del parere dei romani che affermano “Parce sepulto” “Rispetto comunque per i morti”, ma non penso che suggerissero neppure esaltazioni, di drammi gravi e di conclusioni infelici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.