La fede è fede, non dubbio!

Spesso ha fatto capolino nel mio spirito una reazione un po’ scanzonata e scettica di fronte ad una frase quanto mai allettante di Cristo: “Venite a me voi tutti che siete affaticati e stanchi ed io vi darò ristoro”.

“Caro Gesù ora ti piglio in parola:”, snocciolandogli poi una serie di problemi che mi pesano alquanto e da tanto tempo, dai quali non so proprio come liberarmene.

Poi piano piano sono rientrato in me stesso, accorgendomi che finché andrò a chiedere aiuto a Cristo con un grado di scetticismo e di incredulità non posso pretendere di avere una risposta positiva.

Mi sono ricordato prima di Trilussa che afferma “La fede è bella senza i ma, i chissà e i perché”.
La fede è fede non dubbio, e Cristo chiede questo tipo di fede.

La coscienza quindi ha rincarato la dose, ricordandomi sant’Agostino il quale afferma usando un bisticcio di parole latine, “mali-male-mala”, che quando non otteniamo è perché o siamo “mali” cattivi, o perché non crediamo bene “male”, o perché chiediamo cose non valide “mala”.

Infine mi ha mandato al tappeto una storiella letta da qualche parte che raccontava che dei fedeli di una parrocchia di campagna chiesero al loro curato di indire una funzione religiosa per implorare la pioggia perché l’arsura stava lentamente bruciando i raccolti. Il curato accondiscese, sennonché si presentò alla funzione una ragazzina con l’ombrello al braccio suscitando l’ironia di tutti.

Alle frasi sornione ed irridenti la ragazzina con grande candore affermò “ma non siamo venuti a chiedere la pioggia al Signore, allora mi sono portata l’ombrello per non bagnarmi durante il ritorno a casa!

Per lei era scontato che il Signore avrebbe ascoltato i suoi figli.

Finché pregheremo col tarlo del dubbio, della riserva mentale saremo sempre sotto la soglia di quella fede che può spostare le montagne!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.