Intromissioni e colli torti

Ho sempre rivendicato convinto, che la chiesa ha non solamente il diritto, ma anche il dovere di esprimere il suo parere sui problemi dell’uomo e della società ed in particolare ha questo dovere verso i cristiani.

Per gli stati e gli uomini del mondo intero è certamente un vantaggio ascoltare e tenere conto del pensiero di una realtà così antica e così saggia, e per i cristiani, oltre un vantaggio è un dovere preciso ascoltarla, attuare negli ambiti nei quali vivono ed operano quanto essa va insegnando.

Detto     questo, a scanso di ogni equivoco, la società, lo Stato e tutti gli enti impegnati a fare leggi e stabilire ordinamenti hanno tutto il diritto di agire in assoluta autonomia trovando con il dialogo i punti di convergenza tra pensiero e culture diverse che compongono le varie società.

Tutto questo non è una dottrina ma un fatto assodato e ribadito ad ogni piè sospinto fra gli uomini della chiesa e dello Stato.

In pratica però in Italia c’è una situazione particolare, “avendo in casa” la chiesa.

Se posso esprimermi con un’ espressione un po’ fantasiosa, in Italia lo Stato sembra avere una “suocera” in casa che si intromette un po’ troppo e finisce per irritare più che aiutare. Inoltre, continuando con questa immagine pare che alla suocera s’aggiungano interventi, più o meno opportuni, di una serie di “zitelle” ognuna delle quali vuole dire la sua e non sempre opportunamente.

Questa situazione talvolta favorisce un certo anticlericalismo che altrimenti non si capirebbe.
Il caso Boffo, però non è il solo ne sarà l’ultimo ne è una prova!

Pur amando la chiesa, a parer mio, non bisogna chiudere gli occhi sui suoi difetti.

Rosmini con le sue “cinque piaghe della chiesa” credo che abbia fatto più bene che tanti colli torti che non hanno mai trovato il coraggio e capito il dovere di dissentire, che l’amore è una cosa e la discrezione, la saggezza e il rispetto sono un’altra!

Cavour ha proposto una regola con la sua “libera chiesa in un libero Stato!”

Ora però penso sia tempo di fare ancora un passo avanti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.