Come in una scena del film “Lo spretato”

Tantissimi anni fa ho avuto modo di vedere un film che mi è rimasto impresso particolarmente nella memoria e soprattutto nella coscienza.

Il titolo era “Lo spretato”.

A quel tempo erano ben pochi i preti che “appendevano la tonaca al chiodo”, ma dal ’68 in poi questo fatto non fece quasi più notizia perchè cominciò da allora una “emorragia” che non si è ancora bloccata del tutto.

Di quel film ricordo soprattutto tre o quattro scene che non dimenticherò mai.

Questa mattina ne ho ricordata particolarmente una per una strana associazione di idee.

Lo spretato era accompagnato alla tomba di uno dei tanti cimiteri dell’anonima periferia di Parigi, dal solito furgone funebre, senza alcun segno religioso, dietro al furgone due o tre persone soltanto, uno squallore inconcepibile, per me abituato ad Eraclea vedere l’intero paese seguire il defunto al camposanto in due interminabili file, ma anche a San Lorenzo, quasi sempre una folla attraversava Piazza Ferretto mentre si chiudevano rapidamente le serrande dei negozi, quando si portavano i morti in cimitero.

Sono passati appena quarant’anni e stamattina ho aperto io il corteo funebre, c’erano poi i quattro becchini con la bara su un carrello e Cristiano il capoufficio della Vesta, che pur faticando, ha voluto rendere onore al concittadino, che dopo essere rimasto sei mesi nel congelatore della cella mortuaria, riceveva finalmente sepoltura sotto una piccola croce bianca regalata dall’amministrazione comunale.

Povero Gino, povero Paese, povera cristianità che non si accorge neppure più della scomparsa di un suo membro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.