Due richieste di “asilo”

I paesi di mezza Europa sono entrati in crisi per le richieste di asilo dei profughi dell’Africa Occidentale e del Medio Oriente che cercano una via di fuga anche a causa della “guerra santa” intrapresa dai mussulmani dell’Isis del califfo nero. In questi ultimi mesi la televisione e i giornali ci hanno riempito il cuore di angoscia per le tragiche immagini dei barconi che affondano in mare, della ferocia degli scafisti che lasciano soffocare nelle stive i più poveri tra questi fuggiaschi e della povera gente bloccata dalle polizie di mezzo mondo durante la loro fuga alla ricerca di una sistemazione nei Paesi del Nord Europa.

Anche alla “Cattedrale tra i Cipressi” in questi giorni sono giunte due richieste di “asilo”, sono richieste però quanto mai gradite perché giungono da parte di due persone che ci porteranno soltanto messaggi di bontà e di misericordia.

Le figlie della Chiesa, ossia le suore che gestiscono a Mestre la chiesa di San Girolamo, ci hanno chiesto ospitalità per suor Olga, una loro consorella che presto sarà portata alla gloria degli altari e la cui tomba, costantemente ricoperta di fiori e di lumini e venerata da tanti fedeli, si trova in una stradina vicina alle camere ardenti del nostro cimitero. Le colleghe di suor Olga garantiscono che la loro venerabile consorella concede grazie ai suoi devoti, motivo per cui le abbiamo concesso un “alloggio” accanto a Papa Giovanni sulla parete sinistra della nostra cattedrale.

Un’altra richiesta d’asilo ci è pervenuta dalle suore di Nevers per la loro consorella Santa Bernadette Soubirous. Come avremmo potuto dire di no ad una consorella di suor Teresa, la factotum della nostra cattedrale? Quindi ci è parso giusto e doveroso concedere un alloggio anche a Santa Bernadette accanto alla Madonna sulla parete destra della chiesa perché da oggi in poi le richieste di aiuto possano essere recapitate alla Vergine della Consolazione da Santa Bernadette, sua amica carissima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.