I nuovi “residenti” nella Cattedrale tra i cipressi

Nella mia cattedrale tra i cipressi abita, fin dall’inaugurazione, Gesù di Nazareth, il quale ogni giorno riceve un buon numero di “amici” e alla domenica una vera folla di ammiratori e di postulanti. Maria, la Madre di Gesù, ha preso invece fissa dimora in un luogo un po’ discreto ed appartato all’ingresso della chiesa per offrire consolazione a chi soffre per lutti lontani o recenti.

Ho poi invitato altri “buoni cristiani” perché aiutassero e accompagnassero i fedeli all’incontro con il divino Maestro. Ho cominciato con l’invitare Padre Pio, Madre Teresa di Calcutta e Sant’Antonio che hanno accettato “alloggio” sulla parte destra della chiesa; sulla parte sinistra invece ho collocato Papa Giovanni, Papa Woytila, Papa Luciani e San Francesco d’Assisi. In questi ultimi mesi, nei quali la Chiesa ha portato agli onori degli altari Papa Paolo VI, un Papa che ammiro e amo quanto mai per come ha servito, in tempi difficili, la Chiesa e l’umanità, mi sarebbe sembrato di fargli un grande torto se non avessi invitato pure lui completando così quella meravigliosa schiera di Papi che il Signore ci ha donato negli ultimi tempi. Papa Paolo VI ha portato “le chiavi pesanti” del tempo del dopo Concilio.

La Chiesa, con questa grande assise, aveva dato la stura alle grandi attese del mondo cattolico, cosicché il post Concilio è stato un tempo assai irrequieto e Papa Paolo, con grande sofferenza, amore ed intelligenza, ha avuto il compito ingrato e difficile di ricomporre in unità queste tensioni perché dessero un volto aggiornato ma armonioso e composto alla comunità cristiana.

Mi restava un ultimo “alloggio” ancora libero e dopo averci pensato tanto, mi è parso giusto assegnarlo a Santa Rita da Cascia che è passata alla storia come la “Santa degli Impossibili”.

Per far sì che gli uomini del nostro tempo trovassero serenità e facessero chiarezza nelle loro coscienze tanto irrequiete mi è parso ci volesse una Santa che avesse queste risorse. A Santa Rita ho però detto con chiarezza che le ho sì offerto un alloggio ma che mi aspetto anche che aiuti tutti coloro che si rivolgeranno a lei per chiedere aiuto, anche quando le loro richieste saranno davvero difficili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.