La radio vaticana

Alcune settimane fa, con tanta sorpresa, mi è giunta dall’emittente del Vaticano la richiesta di un servizio sull’esperienza dei nostri Centri Don Vecchi. L’operatore che mi ha interpellato mi ha informato che il servizio avrebbe avuto una durata di dieci minuti, un tempo notevole per una trasmissione del genere, e che sarebbe andato in onda, in diretta, durante una catechesi che Papa Francesco avrebbe tenuto sul tema degli anziani. La cosa non poteva che farmi un enorme piacere perché il nostro progetto, che ormai data vent’anni, non tende tanto a risolvere il problema della domiciliarità degli anziani poveri della nostra città, anche se l’offerta di quattrocento alloggi protetti non è proprio cosa di poco conto, ma tende piuttosto a creare cultura a questo proposito, proponendosi come alternativa alle Case di Riposo che, in moltissimi casi, si riducono ad un operazione commerciale con l’unico scopo di fare business. I nostri Centri rappresentano certamente una soluzione alternativa, migliore e più economica. Qualche tempo fa mi è capitato di leggere che un gruppo industriale gestisce in Italia centinaia di Case di Riposo le cui rette sono elevatissime ma, nonostante un certo smalto esteriore, non sono realtà più di tanto migliori dei vecchi ricoveri per anziani. Per questo motivo sento il bisogno di difendere, con le unghie e con i denti, il nostro progetto che rende l’anziano protagonista anche negli ultimi anni della sua esistenza offrendogli il vantaggio di abitare in ambienti signorili, in un alloggio di cui ha il possesso a pieno titolo e soprattutto che gli dà l’orgoglio di vivere senza pesare, non solo sull’ente pubblico ma pure sui propri figli. Spero di tutto cuore che anche questa trasmissione televisiva faccia da cassa di risonanza al nostro progetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.