Primavera

Più volte mi sono sorpreso, durante i giorni più freddi ed uggiosi dell’inverno che stiamo lasciandoci alle spalle, a chiedere quasi inconsciamente al Signore: “Vengo quando vuoi perché di anni me ne hai donati molti e belli, però mi piacerebbe vedere, una volta ancora, la primavera”. Un paio di volte al giorno, quando percorro Viale Garibaldi e scorgo quei rami scheletrici dei tigli che lo fiancheggiano e che alzano tristi le loro lunghe e scarne dita verso il cielo grigio e nuvoloso, mi vien da sognare e desiderare di ammirarli almeno ancora una volta coperti di foglie di un bel verde tenero e sentire il profumo dolce e delicato dei loro fiori. Quando passeggio per i viottoli del parco del Don Vecchi e scorgo le prime e più coraggiose margherite che sorridono felici al sole, mi viene la nostalgia di quel prato verde trapuntato di fiori di vari colori ancor più bello dei vecchi e preziosi arazzi dei palazzi nobiliari. Quando il mio sguardo si allarga e vedo il lungo filare di oleandri verdi sì, ma di un verde spento e sporco, mi vien da sognare quella barriera bianca, rosa e rossa che da giugno in poi fa invidia al Paradiso Terrestre, allora la lode al Dio del Creato si mescola alla nostalgia e al desiderio di provare, almeno ancora una volta, la dolcezza e l’incanto della primavera. In questi giorni ho condiviso più che mai l’affermazione di una mia coinquilina, più che centenaria, che mi ha confidato cosa dice spesso al Signore: “Sono pronta a venire però, Signore, sappi che ho pazienza, tanta pazienza e sono disposta ad attendere ancora un po’ che Tu mi chiami!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.