“Il peccato originale” dei partiti italiani

Non sono molti i paesi, a regime democratico, in cui, maggioranza ed opposizione, trovano il modo di governare assieme come è accaduto in Germania nel momento in cui nessun partito o coalizione, dopo una consultazione elettorale, è riuscito ad ottenere la maggioranza assoluta. Constato però che in questi paesi, pur in un rapporto dialettico vivace e a volte complesso, le varie forze politiche trovano sempre il modo di offrire un governo alla loro nazione. L’Italia, a questo riguardo, mi pare rappresenti un caso pressoché unico. Qualche anno fa, in verità, per garantire una stabilità di governo, è stato fatto un tentativo per creare il bilateralismo, un’alternanza tra Centro Destra e Centro Sinistra ma, purtroppo, è durato solo una breve stagione e con tanti tormentoni. In tempi lontani anche De Gasperi e i suoi successori più prossimi tentarono di dare stabilità ma anche quel tentativo si è dissolto non appena è venuta a mancare la personalità forte e autorevole del politico trentino che riusciva a tenere unito quel gregge irrequieto. Ora si è tornati ad una frammentazione crescente. Nel Centro Destra oltre a Forza Italia possiamo annoverare “Fratelli d’Italia”, “Il nuovo Centro Destra”, il partitino di Storace, la Lega irrequieta e divisa ed ora Fitto che, non contento, sta cercando di fondare un nuovo partito per complicare ulteriormente la situazione. Nel Centro Sinistra, dove pareva esistesse finalmente una certa stabilità, oltre a “Sel” di Vendola e ai Grillini, anche la minoranza PD si comporta nei confronti dei propri compagni come se si trattasse di fratellastri invisi vogando sempre contro. È fin troppo evidente che nessuno di questi “ducetti” si preoccupa delle sorti del Paese ma pensa solo alla propria affermazione e al proprio successo personale. Ho ammirato Renzi e ho pregato per lui che afferma di avere a cuore le sorti dell’Italia, temo però, che nonostante all’orizzonte non ci siano altre maggioranze possibili, prima o poi finirà con il cadere in qualche trappola che nemici ed “amici” potrebbero tendergli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.