La pastorale più attuale è quella più antica

Da qualche tempo abbiamo dovuto far ricoverare a Villa Salus suor Michela, l’anziana superiora di suor Teresa. Qualche giorno fa, quando sono andato a far visita a questa cara suora che da una trentina di anni è stata impegnata prima nella parrocchia di Carpenedo e poi al Don Vecchi, ho conosciuto l’anziana signora che è ricoverata nella stessa camera. Con sorpresa appena sono entrato nella stanza mi ha salutato con un “don Armando” tanto affettuoso che pareva fossimo amici d’infanzia, poi ha cominciato a sciorinare tutti i motivi per i quali mi conosceva bene. Fra l’altro mi disse di essere una fedelissima lettrice de “L’Incontro” informandomi inoltre che ogni settimana aspetta con impazienza che la figlia le porti il periodico del quale legge dalla prima all’ultima parola.

Quello che però mi sorprese più di tutto fu il suo desiderio di sapere se l’Enrico Carnio, che scrive ogni settimana su “L’incontro”, sia il padre di Giovanni, quel giovanotto che andava a trovare gli anziani in casa di riposo e che lei aveva conosciuto perché suo marito, a quel tempo, vi era ricoverato. Una volta saputo che quel giovane, già avvocato, che un paio di anni fa ha deciso di entrare in seminario per farsi prete, era proprio il figlio di quell’Enrico che scrive su “L’incontro”, non cessava più di tessere le lodi di quel giovane che trattava con infinita amabilità gli anziani. Una volta in più si è rafforzata in me la convinzione che il metodo più aggiornato e più efficace per gli operatori pastorali non è quello che si rifà agli aggiornamenti fatti dagli specialisti, ma quello che persegue l’attenzione e la cura di chi è vecchio, indifeso o ammalato! Questa è una bella scoperta in questo tempo in cui non si sa cosa fare per evitare che le pecorelle continuino a fuggire dall’ovile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.