Il prete mendicante

Sto tentando con ogni mezzo di convincere i fedeli, che con me ogni domenica ascoltano la “parola di Dio”, che questa Parola non possiamo lasciarla passare sopra i nostri capelli senza investire la nostra mente e il nostro cuore e rimanere pressoché indifferenti, come quando non prestiamo alcuna attenzione alle chiacchiere della televisione.

Più di una volta ho ricordato che quando Dio ci parla, e lo fa sempre per il nostro bene, dobbiamo avere almeno l’attenzione con cui ascoltiamo il nostro medico che fa la diagnosi sui nostri malanni e ci suggerisce le medicine per guarirli.

Qualche domenica fa ero ancora emozionato da questi discorsi, quando incontrai, nei pressi della chiesa del cimitero, ove avevo appena celebrato l’Eucaristia, una cara signora che mi vuol bene e che frequenta assiduamente il precetto festivo, ed è una di quelle signore che noi definiamo normalmente “una buona cristiana”. La quale, sgranando gli occhi con sorpresa e meraviglia, mi chiese incredula : «E’ vero, don Armando, che Lei chiede la carità per costruire il “don Vecchi” a Campalto?» Di certo era convinta che fosse disdicevole per la dignità di un sacerdote chiedere l’elemosina per i fratelli in difficoltà.

Le risposi arrossendo, perché sapevo di barare: «E’ vero!». In realtà chiedo sì l’elemosina, ma lo faccio mediante l’anonimato di una lettera, soluzione meno impegnativa che bussare personalmente ad una porta e stendere la mano. Già, perché questa soluzione mi costa già molto ed arrossisco mentre copio l’indirizzo dall’elenco telefonico, immaginando la reazione del destinatario e perciò non so quanto mi costerebbe farlo in maniera diretta.

Nonostante pensi a padre Cristoforo dei “Promessi sposi” o mi rifaccia ai frati mendicanti di san Francesco, la cosa mi costa assai: eppure, sia io che la signora, fin dall’infanzia conosciamo il precetto di Gesù “Ama il prossimo tuo come te stesso!” E’ evidente, perciò, che il mio modo di ascoltare Cristo, come quello della mia interlocutrice, lascia ancora molto a desiderare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.