Un incontro che mi ha aiutato a riconciliarmi con l’umanità!

Questa è stata una buona settimana per quanto concerne gli incontri. Io ritengo sempre una grazia ed un dono incontrare delle persone disponibili, serene e positive che ti fanno sentire che provano piacere a darti una mano e lo fanno magari facendo bene il loro mestiere e i loro interessi.

Appena arrivato a Carpenedo, ho avuto il piacere di incontrare il signor Antonio Vanore, che gestiva il “Cinema Lux” della parrocchia. “Don Antonio” era un maresciallo della pubblica sicurezza in pensione da anni, un meridionale DOC, ammiratore di Totò, il principe attore, non solo per la sua mimica e il suo estro, ma forse anche per la sua indole.

A quel tempo venivano al “peoceto” (chiamavano così la vecchia sala cinematografica parrocchiale) folle di bambini. Ogni domenica mi sembrava di partecipare ad una festa patronale del meridione: chiasso, confusione, andirivieni di ragazzi, caramelle, semi e bagigi, tanto che al lunedì la moglie del nostro caro gestore, impiegava un gran tempo a ripulire il locale dopo il passaggio del “branco di bisonti”.

Ebbene, io amavo incontrare quest’uomo sempre sorridente, accomodante ed ottimista. Sentivo che la sua presenza mi scioglieva, mi aiutava ad affrontare con più serenità le difficoltà parrocchiali che non erano, allora, davvero né poche né facili da risolvere.

Questa mattina sono stato al vivaio di Sgaravatti in via Castellana, per acquistare delle piante di oleandro per sostituire quelle “bruciate” dal freddo di quest’inverno. Il signor Federico, responsabile dell’azienda, pur conoscendomi da poco, mi ha consigliato, promesso aiuto, suggerito soluzioni che lui riteneva ottimali. Credo che se avesse voluto, avrebbe potuto vendermi mezza serra. E’ un gusto incontrare un personaggio del genere! Quant’è bello stabilire rapporti con queste persone solari, calde di umanità, capaci di ridimensionare positivamente i problemi!

Sono tornato a casa contento, anche se soltanto i posteri potranno ammirare un filare di oleandri della stessa altezza, armoniosamente posti uno accanto all’altro, perché oggi ci sono degli spilungoni di due metri e mezzo e nanetti di appena mezzo metro. Una cosa conta: oggi ho incontrato un uomo vero, che mi ha aiutato a riconciliarmi con l’umanità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.